Avviso ai naviganti Bollettino n° 9

Con la cultura non si mangia, ma quanto si litiga

Con la cultura si è detto in passato non si mangia. Nonostante smentite e chiarificazioni comprese quelle dell’allora ministro Tremonti che lanciò il famoso “anatema” facendo molti proseliti e altrettanto scalpore, la tesi è di fatto sostenuta nella pratica dalle politiche di molte amministrazioni anche locali che, se c’è da tagliare, partono spesso e volentieri proprio da qui.

In compenso in Umbria, a cominciare dal capoluogo, per la cultura si litiga. Questi, cari naviganti di Vivo Umbria, sono stati giorni complicatissimi e litigiosissimi. In primo luogo per la questione Umbria Film Commission. La mozione presentata da Leonelli, Casciari e Ricci tesa a sostenere comunque gli impegni/opportunità che questa realtà a loro avviso può garantire, sino alla concreta realizzazione di una Fondazione ad hoc, è stata approvata in aula grazie a una votazione “trasversale” che ha visto la maggioranza uscire su invito dell’assessore Paparelli e la mozione che pure fa capo al firmatario PD del peso di Giacomo Leonelli, passare per grazia ricevuta… dall’opposizione.

Di più. A Perugia ci sono state scintille tra assessori uscenti e usciti. La tensione è salita dopo la conferenza stampa di bilancio di fine legislatura dell’assessore alla Cultura, Teresa Severini. Elencando le cose fatte in questo periodo a cominciare dall’anno 1416,  stigmatizzava quelle non poco aggreganti o che non avevano lasciato traccia delle precedenti giunte di centrosinistra. Ecco allora che su Facebook le ha seccamente risposto l’ex assessore Andrea Cernicchi sciorinando i “suoi” interventi: Perugino 2004, Pinturicchio 2008, Palazzo della Penna restaurato e rivitalizzato, Festarch e altro ancora.  Un botta e risposta al quale ciascuno dei naviganti darà la valenza che crede. Da parte nostra l’auspicio è che la litigiosità si traduca in futuro in ulteriore vitalità e che il “come” compaia nei programmi elettorali, magari anche ben articolato e argomentato. Perché ora sembra acclarato che il comparto potrebbe dare da mangiare a molti. Anche se in qualche caso il boccone dovesse andare storto a colleghi di giunta che tengono stretta stretta la borsa dei denari pensando ai “loro” menù di pertinenza il più delle volte scontati e ormai insipidi.

Avatar
Riccardo Regi

Direttore di VivoUmbria.it. Perugino, laureato in Lettere, giornalista professionista dal 1990, vice direttore dei Corrieri Umbria, Arezzo, Siena, Viterbo, Rieti per 18 anni.

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi