fbpx

Riverock Festival svela il suo programma per l’edizione 2019

ASSISI – Dopo il grande successo dei due appuntamenti di anteprima indoor al Teatro Lyrick di Assisi, che hanno visto protagonisti l’anteprima nazionale e unica data in Umbria di “An Evening with Manuel Agnelli” e la data zero del “25th Anniversary Tour” dei Negrita, l’Associazione culturale Riverock svela il programma dell’edizione 2019 del Riverock Festival.

Quest’anno gli eventi in cartellone animeranno la Lyrick Summer Arena durante i tre mesi estivi a partire dal 21 giugno, spaziando in concerti di vari generi musicali volti ad accontentare i gusti dell’eterogeneo pubblico che da sempre accompagna il festival. Alcuni eventi e altre importanti novità, al momento in work in progress, saranno annunciati in seguito dagli organizzatori.

Il programma 

21 giugno Queen at the Opera – Il più imponente show Rock/Sinfonico mai portato in scena. Grazie alla presenza di oltre quaranta formidabili artisti, il pubblico ha per la prima volta la possibilità di ascoltare le musiche dei Queen riarrangiate in una elegante veste orchestrale. Cinque talentuosi cantanti, selezionati tra i più prestigiosi del circuito nazionale ed internazionale come, “The voice”, “Notre Dame de Paris”, “Hair”, “La Regina di ghiaccio” e “Roma Opera Musical”, si confronteranno con i capolavori scritti da Freddie Mercury ed i Queen. Pezzi intramontabili come “We are the Champions”, “Barcelona”, “The show must go on” e “Bohemian Rhapsody” sorgono a nuova luce grazie alla perfetta fusione tra una potente Rock Band ed una Orchestra Sinfonica.

22 giugno Rancore – Torna sulla scena con un nuovo disco e un nuovo spettacolo: “Musica Per Bambini” (in Tour) dove porta i suoi “giocattoli” sul palco trasformandolo in una cameretta dove i musicisti sono bambole di pezza con bottoni al posto degli occhi. Ecco come nasce questo nuovo show. Paura di tornare bambini? Come sempre, dove c’è la firma di Rancore, le sorprese non mancheranno.

24 luglio Shine Pink Floyd Moon in collaborazione con UniversoAssisi 2019 – “I Pink Floyd? Una musica che ha un’anima…”, è questo che ha ispirato il celebre coreografo/regista russo-belga Micha van Hoecke a creare il suo nuovo lavoro Shine (“Brilla”) sulle indimenticabili canzoni della leggendaria band inglese, musica dei suoi anni giovanili, musiche senza tempo, ponte tra musica rock e musica classica. “Musiche che, nell’immaginario collettivo, sono legate alla giovinezza interiore di tutti noi.” Punto di partenza nella creazione di Shine è stato il celeberrimo brano “Shine on You Crazy Diamond” in cui i quattro Pink Floyd, Roger Waters, Nick Mason, Richard Wright e David Gilmour, rendono omaggio al loro compagno Syd Barrett che si era perso nelle regioni sconosciute della “luna”, intesa come malattia mentale. Accompagnato dal vivo dal sound psichedelico, ipnotico, in qualche maniera astrale, dell’acclamata band Pink Floyd Legend, Shine di Micha van Hoecke è dunque un viaggio sulla luna, non solo (o forse non più) luogo di follia e senno smarrito, bensì simbolo della poesia, della fantasia, della vita stessa.

27 luglio Hooverphonic in collaborazione con UniversoAssisi 2019 – “Romantic” è il nuovo video e il nuovo singolo degli Hooverphonic, uno dei gruppi più importanti degli ultimi anni, che ha segnato la musica europea per singoli come “Mad About You” e “Anger Never Dies”. Oggi il gruppo belga pubblica anche “Looking for Stars”, il decimo album di inediti della loro carriera. Lo storico gruppo belga degli Hooverphonic ha trovato nuova energia grazie alla voce della nuova cantante diciottenne Luka Cruysberghs, vincitrice di The Voice Of Flanders 2018, che ha completamente conquistato Alex Callier – leader storico della band nonché severo giudice dell’appena citato show televisivo in Belgio – al punto da sceglierla come nuova frontwoman per gli Hooverphonic.

3 agosto All Good Children Go To Hell – Una produzione originale ed esclusiva per Riverock Festival: una superband formata da Roberto Dellera, Lino Gitto, Enrico Gabrielli e Roberto Angelini eseguiranno integralmente, nell’anno del 50esimo anniversario dalla sua uscita, “Abbey Road”, l’ultimo vero disco in studio dei Beatles. Durante la serata si uniranno alla band numerosi amici e ospiti speciali, che saranno svelati un po’ alla volta, per una notte che si preannuncia memorabile.

7 agosto Joan as Police Woman. Cristina Donà & Ginevra Di Marco – Un doppio concerto che si preannuncia memorabile, sullo stesso palco due progetti totalmente al femminile tra i più importanti a livello italiano ed internazionale. “Così vicine”, un progetto che prende spunto dal repertorio delle due artiste con una scaletta dove le canzoni si intrecciano, le anime si fondono in un solo canto, due grandissime voci per la prima volta insieme in un concerto dedicato alla loro lunga e prestigiosa storia artistica.  Una grande cantautrice, una grande interprete, due cantanti che hanno creato un modello a cui si rifanno molte voci femminili delle attuali generazioni. Finalmente insieme, finalmente “COSI’ VICINE “. Con loro sul palco il gruppo dello spettacolo “Stazioni Lunari”, Francesco Magnelli (piano e magnellophoni), Andrea Salvadori (chitarra, loop, tzouras), Luca Ragazzo (batteria), con l’aggiunta del produttore e co-autore degli ultimi dischi di Cristina Donà, Saverio Lanza (chitarra).

La multistrumentista newyorkese, Joan As Police Woman, originale e stravagante, negli anni ha collaborato con artisti del calibro di Elton John, Lou Reed, Nick Cave, Rufus Wainwright, Antony e Battiato. Ad un anno dalla pubblicazione di “Damned Devotion”, l’ultimo acclamato disco di studio, Joan As Police Woman torna con “Joanthology”, il multi-album con i migliori successi e brani inediti in arrivo a maggio su etichetta Pias.

8 agosto Neri Marcorè e Gnu Quartet – Un poliedrico artista, apprezzato come attore di cinema, teatro e televisione, e un quartetto dal singolare organico strumentale (violoncello, violino, flauto, viola) omaggiano uno dei più grandi poeti del cantautorato italiano partendo dal verso di una delle sue canzoni più famose, “Il pescatore”. In Come una specie di sorriso c’è il Fabrizio De Andrè, anche quello meno conosciuto, che Neri Marcorè, qui nelle vesti di cantante e chitarrista, più ama. Il De Andrè che tutti amano. Un repertorio, impreziosito dagli arrangiamenti sofisticati di Stefano Cabrera (GnuQuartet), che trascinerà il pubblico in un emozionante viaggio musicale attraverso i versi immortali del grande Faber. GnuQuartet sono Stefano Cabrera (arrangiamenti e violoncello), Roberto Izzo (violino), Francesca Rapetti (flauto traverso) e Raffaele Rebaudengo (viola). Un quartetto dallo stile sicuro e inconfondibile – che ha caratterizzato i progetti di grandi artisti quali Subsonica, Afterhours, PFM, Gino Paoli, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Motel Connection e molti altri che hanno richiesto la loro collaborazione – guadagnandosi l’attenzione e l’apprezzamento del pubblico e della critica fin dagli inizi della loro carriera.

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

No Comments Yet

Comments are closed

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!