Istituto musicale Briccialdi, continua l’occupazione dei docenti a Terni

TERNI – Questa sarà la terza notte di occupazione delle aule del Briccialdi, l’istituto di alta formazione musicale di Terni con una storia prestigiosa alle spalle che affonda le radici all’inizio del secolo scorso e che ha visto tra i suoi allievi anche il compositore e concertista Alessandro Casagrande. Mentre è ancora in atto un tentativo di mediazione tra Rsu e docenti con la presidente Letizia Pellegrini che a più riprese invita gli insegnanti a concludere l’occupazione considerata un atto d’arbitrio del tutto illecito, si attendono chiarimenti sulla vicenda che vede i docenti soffrire di quattro mensilità non corrisposte. I contorni della questione sono legati al processo di statalizzazione del Briccialdi non completamente attuato e contestualmente al progressivo disimpegno del Comune di Terni, dal 2013 in avanti, per ciò che riguarda l’impegno economico che in precedenza era a totale carico della municipalità. In questa fase di interregno in cui non è ancora ben chiaro il ruolo che il Briccialdi deve assumere, chi sta pagando le dirette conseguenze dello “stallo” sono appunto i docenti che continuano ad assicurare il consueto svolgimento dell’attività del Briccialdi, come le lezioni agli studenti e l’attività concertistica, ma allo stesso tempo non rinunciano a voler inviare all’opinione pubblica un segnale forte del loro disagio e del loro sdegno per l’assurda situazione che stanno vivendo. Già nei giorni scorsi si sono succeduti incontri a vario titolo con le istituzioni compresa la Regione Umbria che con Fabio Paparelli ha assicurato il proprio impegno per una rapida soluzione, ma sinora nulla di certo, nonostante i vari tentativi di mediazione, ha fatto sì che i docenti ottenessero rassicurazioni tali da farli recedere dall’occupazione. Nel frattempo, insieme agli insegnanti, ad attendere un esito quanto più rapido possibile, sono anche i trecento allievi provenienti da tutta Italia che frequentano i corsi del Briccialdi.

Claudio Bianconi
Claudio Bianconi

Arte, cultura, ma soprattutto musica sono tra i miei argomenti preferiti.

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi