Venditti: tre ore in delirio a tutta musica dedicate a Sergio Piazzoli

PERUGIA – Premesse, promesse, certezze. Tutte rispettate.

Antonello Venditti e il suo “Sotto il segno dei pesci tour indoor” che si è chiuso ieri al PalaBarton di Perugia, arrivano con presupposti, premesse appunto, importanti: un messaggio generazionale ancora vivo segnato da un album profetico; un fiume di musica bella, tosta, travolgente, accattivante;  un lirismo nei testi impegnato fino alla confidenzialità, all’intimità.

Promesse. Parola data e mantenuta. Fino a destare commozione: il suo legame con Perugia è pienamente motivato, sentito, a  partire da Sergio Piazzoli: “Lo ricorderò in qualche modo” mi aveva detto nell’intervista per Gruppo Corriere di tre giorni fa. E Sergio Piazzoli compare in una foto sullo schermo che domina il palco.

Sullo schermo compare la foto di Sergino Piazzoli, promoter scomparso 5 anni fa: a lui Venditti ha dedicato il concerto

“Questo concerto lo dedico a lui, a Sergio Piazzoli – annuncia tra gli applausi – con il quale avevamo un legame speciale: ricordo tra l’altro che mi aveva insegnato quel vostro scioglilingua ‘ a Ellera en di’ danda’ a Ellera en da anda’; era diventato il nostro scherzoso saluto quando ci sentivamo. Devo a lui i miei concerti qui da voi. Lui era un musicista prima di tutto, prima di diventare promoter … e mi manca. E manca soprattutto alla musica, non solo a me”. L’eco dell’applauso è intenso e sembra risuonare così forte perché ‘Sergino’ possa sentirlo. E apprezzarlo.

Sotto il palco, la “muraglia” umana del PalaBarton

E il bel clima dentro a un PalaBarton stracolmo, si avverte in maniera palpabile, è il migliore che ci possa essere: a suonare c’è un chitarrista fantastico e bravissimo come Toti Panzanelli, umbro nato a Cascia, che Venditti presenta con affetto e ammirazione; si festeggiano nella stessa sera due compleanni tra i musicisti sul palco e c’è tempo pure per una battuta “pesantina” mentre presenta gli altri suoi compagni di avventura: “Sandro Centofanti, al quale ho dedicato il brano Non so dirti quando, prima di … salutarci mi disse: ‘Sai, uno che può suonare il piano, le tastiere davvero bravo e che fa al caso tuo chi è? Angelo Abate. Insomma mi caldeggiò questo nome, e qui in terra di raccomandati…”.

Il bravissimo chitarrista Toti Panzanelli, umbro doc nato a Cascia

Certezze, infine. Più di una: Antonello Venditti ha voglia di suonare, ha voglia di pubblico, ha l’impellenza di dire, ha voce per cantare, ha desiderio di amicizia. Il pubblico lo sente e lo ripaga. Le luci iniziano a spegnersi verso le 21,15 e risuona Raggio di luna. Torneranno ad accendersi a mezzanotte e mezzo dopo il bis cantato in coro “Roma Capoccia”. In mezzo c’è di tutto: bellissimo vedere la sintonia con gli Stradaperta che Venditti presenta sottolineando l’amicizia che resta salda fra di loro, musicisti con i quali incise 41 anni fa Sotto il segno dei pesci, protagonisti di un tour dai ricordi ancora vivi e che tornano prepotenti. E  poi  ci sono la memoria legata a Lucio Dalla,  la fratellanza con Francesco De Gregori, aneddoti di vita su momenti difficili o persino eroticamente spinti; il momento di lui al pianoforte, soli e indivisibili, quando arrivano in sequenza Compagno di scuola, Ci vorrebbe un amico e Notte prima degli esami così, tanto per gradire. Su tutto, la sua voce evocativa e modernissima.

Il titolo di questa serata potrebbe essere Dalla pelle al cuore, per dirla alla Venditti. Premesse, promesse, certezze. Tutte rispettate. Resta, ancora più forte ora, una speranza:  rivederlo presto da queste parti.

Avatar
Riccardo Regi

Direttore di VivoUmbria.it. Perugino, laureato in Lettere, giornalista professionista dal 1990, vice direttore dei Corrieri Umbria, Arezzo, Siena, Viterbo, Rieti per 18 anni.

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi