Todi, annunciati i vincitori del Premio Jacopone

TODI -La prima edizione del Premio Jacopone da Todi, voluto dalla Stabat Mater Association e intitolato alla memoria del poeta tuderte, ha i suoi vincitori. Sono Maria Borio con “Trasparenza” (Interlinea) per la sezione poesia, Claudia Durastanti con “La straniera” (La nave di Teseo) per prosa e Delmoro con “Il primo viaggio” per canzone d’autore. L’edizione è under 40 sia per quanto riguarda i premiati (tutti nati a metà degli anni 80), sia per la composizione delle tre giurie che vedono la presenza di tre giovani ospiti, astri nascenti della critica letteraria e musicale: Lorenzo Cardilli, Dario Rossi e Giulia Cavaliere. La proclamazione avverrà durante le giornate autunnali di Iubel Festival (5-7 settembre). Da regolamento, le opere si sono distinte per cinque tratti individuati a partire dall’analisi del lavoro jacoponico: propensione alla ricerca, connessione tra l’attività creativa e lo studio, rifiuto degli automatismi che garantiscono il consenso, capacità di dialogare attraverso la propria arte e tendenza a sfuggire le classificazioni consolidate. 

Iubel Festival, che già a maggio ha ospitato un acclamatissimo Stabat Mater di Gioachino Rossini diretto dal maestro Ezio Bosso, sarà la cornice il 6 settembre a Todi per la premiazione di Borio e Durastanti (il cui libro si è affermato recentemente anche nella cinquina dello Strega). In quell’occasione Cardilli e Rossi, accompagnati da Paolo Gervasi, spiegheranno le motivazioni dell’assegnazione e commenteranno le opere con le autrici.

 

Il 7 settembre sarà il turno della canzone d’autore con Delmoro, attualmente in alta rotazione radiofonica con il singolo “Dove siamo finiti” tratto dall’EP “Balìa”. Il musicista presenterà l’album d’esordio “Il primo viaggio” in un concerto d’atmosfera. L’esibizione sarà contenuta nel format Giardini Segreti. A presentare l’opera, i giurati Nicola Cappelletti e Giulia Cavaliere, che sempre il 7 racconterrà il suo saggio “Romantic Italia” (Minimum Fax) sulla canzone d’autore italiana

 

Le giurie – spiega Valentina Parasecolo, direttore artistico di Iubel – si sono riunite per settimane per giungere a decisioni unanimi che nel contemporaneo incarnino lo spirito divergente di Jacopone. Il tentativo è accendere un faro su opere significative e di farlo attraverso un percorso di critica ragionato da condividere con la comunità. Il risultato è una rosa di vincitori giovani, coraggiosi e autentici che ci auguriamo incontrino anche il favore del pubblico del festival”.. A maggio è stato comunicata l’assegnazione del premio Jacopone alla carriera a Patrizia Cavalli, la cui presenza è attesa per inizio settembre. Il programma integrale delle giornate autunnali di Iubel Festival sarà presto disponibile sul sito iubelfestival.com.

Biografia dei vincitori

Maria Borio 

Nata nel 1985, Maria Borio si è laureata in Lettere ed è dottore di ricerca in letteratura italiana. Ha pubblicato le raccolte “Vite unite” (XII Quaderno italiano di poesia contemporanea, Marcos y Marcos, Milano 2015) e “L’altro limite” (Pordenonelegge-Lieticolle, Pordenone-Faloppio 2017). Ha scritto le monografie “Satura. Da Montale alla lirica contemporanea” (Serra, Pisa 2013) e Poetiche e individui. La poesia italiana dal 1970 al 2000 (Marsilio, Venezia 2018). Cura la sezione poesia di “Nuovi Argomenti”. “Trasparenza”, nella collana Lyra giovani diretta da Franco Buffoni, è il suo primo vero libro di poesia e conquista il premio il premio Jacopone alla poesia.

Claudia Durastanti

E’  nata a Brooklyn nel 1984 ed è scrittrice e traduttrice. Il suo romanzo d’esordio “Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra” (2010) ha vinto il Premio Mondello Giovani; nel 2013 ha pubblicato “A Chloe, per le ragioni sbagliate”, e nel 2016 “Cleopatra va in prigione”, in corso di traduzione in Inghilterra e in Israele. È stata Italian Fellow in Literature all’American Academy di Roma. È tra i fondatori del Festival of Italian Literature in London. Collabora con “la Repubblica” e vive a Londra. Con “La straniera” è stata nella cinquina del Premio Strega. Vince il premio Jacopone alla prosa.

Delmoro 

Nato in un piccolo paese della Carnia, Delmoro è cresciuto viaggiando e muovendosi per l’Europa, partendo da Venezia, dove si laurea in architettura, passando poi per Portogallo, Danimarca e Inghilterra, assorbendo così ritmi e caratteri diversificati che ne hanno amplificato la profondità di linguaggio. Durante la primavera 2019 esce con l’EP “Balìa” per la prestigiosa etichetta Carosello. Il suo disco d’esordio,” Il primo viaggio”, è un concept album su amore, autodeterminazione e crescita che ha già raccolto ottimi feedback all’uscita ed è stato accolto dalla critica specializzata come tra i migliori esordi del 2018. L’opera vince il premio Jacopone alla canzone d’autore.

I giurati

Lorenzo Cardilli, nato a Rho nel 1984, si interessa di poesia novecentesca e contemporanea, storia della critica e teoria della letteratura, con particolare riferimento al rapporto tra poesia e immagine. È redattore e cofondatore del giornale culturale online «La Balena Bianca», su cui scrive perlopiù di poesia contemporanea. Nel 2017 ha concluso un dottorato di ricerca su Andrea Zanzotto presso l’Università degli Studi di Milano e l’Université de Fribourg – Suisse. Dal 2012 insegna Italian and European Culture al Politecnico di Milano. Ha pubblicato articoli su Salvatore Quasimodo, Aldo Nove, Umberto Fiori. A Iubel è giurato ospite per il Premio Jacopone alla poesia.

Dario Rossi (1984) è attualmente editor di Utet, marchio editoriale di DeA Planeta Libri. Si è formato come redattore e editor a Transeuropa Edizioni, e negli anni ha collaborato con Laurana, Feltrinelli, Studio Élastico. Ha partecipato come giurato e editor al concorso letterario 8×8 organizzato da Oblique Studio. Nel 2016 ha tenuto a Milano il corso La stanza degli scrittori – Editing organizzato dalla Scuola Holden. Ha scritto per Il Primo Amore e scrive per Link – Idee per la tv. Un suo saggio si trova all’interno dell’antologia Dentro al nero. Tredici sguardi su It di Stephen King, a cura di Luca Cristiano ed Enrico Macioci (Effigie, 2017). A Iubel è giurato ospite per il premio Jacopone alla prosa.

Giulia Cavaliere è nata nel 1985 e ha studiato Lettere con specifica attenzione alla storia del cinema, del teatro e dei linguaggi radiotelevisivi. Si occupa di canzoni, cultura pop e libri per diverse testate italiane. Al momento collabora con iI Corriere della Sera, Esquire Italia e Rolling Stone Italia; è stata redattrice e autrice della rivista The Towner di Moleskine e tra le sue collaborazioni troviamo, tra le altre, Linus e IL del Sole 24ore. Ha scritto e condotto Souvenir per Rete Due di RSI, la radio della Svizzera Italiana. Il suo “Romantic Italia – Di cosa parliamo quando cantiamo d’amore”, che presenta a Iubel, dove è anche giurato ospite per il Premio Jacopone alla canzone d’autore, è uscito a settembre 2018 per Minimum Fax. Dal libro è nato il podcast Romantic Italia per storielibere.fm.

Facebook: @IubelFestival

 

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi