Todi Festival, stasera l’omaggio di Roberto Herlitzka a Primo Levi per il centenario della nascita

TODI – Stasera, sabato 31 agosto, sul palco del Teatro Comunale Roberto Herlitzka  interpreta i testi di Primo Levi. In occasione del Centenario della nascita dello scrittore torinese, la ha creato lo spettacolo Il canto di Ulisse che debutta in prima nazionale. I testi, tratti da L’ultimo Natale di guerra e da Se questo è un uomo vedranno dunque la preziosa interpretazione di un grande attore come Roberto Herlitzka accompagnato da Stefano Santospago e dai musicisti Alessandro Di Carlo al clarinetto e Alberto Caponi al violino, a cura di Teresa Pedroni.

TRAMA
L’ultimo Natale di guerra è una raccolta di vari racconti “dispersi”, scritti da Primo Levi tra il 1977 e il 1987 per diversi giornali-riviste, editi postumi. Il canto di Ulisse è in “Se questo è un uomo” l’episodio in cui più intensamente e consapevolmente vediamo i personaggi elevarsi al di sopra dell’atmosfera del lager; i versi di Dante hanno il potere di evocare il mondo fuori dal lager, spazi aperti, orizzonti sterminati, mari e montagne familiari. Ulisse è l’uomo che esprime una delle sue aspirazioni più alte, il desiderio di conoscenza: “Considerate la vostra semenza: / Fatti non foste a viver come bruti, / Ma per seguir virtute e conoscenza”. L’opera è un viaggio dove il protagonista Primo Levi racconta momenti del suo vissuto tragico nel lager con una grande limpidezza animati da un grande sentimento di pietas per tutti i suoi compagni, i “sommersi”.

SCHEDA DELL’OPERA IL CANTO DI ULISSE

Liberamente ispirato a testi di Primo Levi
Con Roberto Herlitzka e Stefano Santospago
Musiche eseguite dal vivo da Alessandro Di Carlo (clarinetto) e Alberto Caponi (violino)
Light designer Marco Macrini
Cura registica di Teresa Pedroni
Consulenza musicale Alessandro Di Carlo
Aiuto regia Elena Stabile
Assistente alla regia Pamela Parafioriti
Organizzazione generale Fabrizia Falzetti
Produzione Compagnia Diritto E Rovescio

PROSEGUE TODI OFF

Stasera, sabato 31 agosto alle ore 20 appuntamento al bar Il Fondaco con Recitare all’Improvviso. Le radici del nostro teatro affondano nella Commedia dell’Arte e nei Giullari Medievali, che ci insegnano come fosse fondamentale nel rapporto con il pubblico l’arte dell’improvvisazione. Facendo a meno del testo fisso e subordinando la parola scritta all’azione, l’improvvisazione era vista come una conquista dell’autonomia del teatro dalla soggezione della letteratura. Non solo frutto della genialità del momento, bensì di una serie di tecniche ben precise tramandate da generazioni di attori.

Sempre stasera sabato 31 agosto ultimo appuntamento della serie di Incontri con l’Autore (alle ore 18.00 nella Sala del Consiglio del Palazzo del Capitano): Massimo Mattioli presenta il suo volume dal titolo Margherita Sarfatti. PIÙ. Un pamphlet biografico su questo intrigante personaggio: la prima donna critico d’arte della storia, penalizzata dalla storiografia perché ebbe “l’avventura” di essere una delle amanti di Benito Mussolini.Introduce Antonino Ruggiano, Sindaco di Todi, con la partecipazione di Bruno Ceccobelli, Autore della copertina

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi