Avviso ai naviganti Bollettino n° 18

Venezia: il nostro Leone d’oro va al rifinanziamento del Piano nazionale per la scuola

Sabato 7 settembre sapremo, finalmente, a chi andrà il Leone d’oro in palio tra i 20 e passa film in concorso alla 76^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Concorderemo o meno sul fatto che la madrina Alessandra Mastronardi ha stupito per il suo look; conteggeremo freneticamente i like che su Instagram hanno ottenuto le foto dello sbarco della Ferragni al Lido; magari, con calma, ragioneremo ulteriormente sui dati disastrosi Siae sullo sbigliettamento nei cinema italiani e, perché no, di una rivoluzione che è in atto su piattaforme mondiali che si stenta a comprendere,e magari assecondare, per l’impatto reale che ha e avrà ancor più in futuro. E allora ecco che, riguardo ciò che accade nella Laguna di Venezia, preferiamo oggi avvisare i nostri naviganti riguardo la conferenza stampa congiunta MiBAC – MIUR destinata a lanciare i nuovi bandi del Piano nazionale Cinema per la scuola, relativi all’anno scolastico 2019/2020.

Passo indietro: il Piano Nazionale Cinema per la Scuola, previsto dalla Legge Cinema e Audiovisivo n.220 del 2016, nasce a seguito di un Protocollo d’Intesa tra MiBAC e MIUR sottoscritto nel marzo 2018 e finalizzato all’inclusione nelle scuole del linguaggio cinematografico e audiovisivo come strumento educativo in grado di facilitare l’apprendimento ed essere utilizzato trasversalmente nei percorsi curriculari.

La notizia è che per l’anno scolastico 2019/2020 sono state messe a disposizione del Piano risorse pari a 12 milioni di euro, prevedendo la conferma delle Azioni Cinema Scuola Lab, Visioni Fuori Luogo e Buone Pratiche, Rassegne e Festival, nonché la prosecuzione del Piano di Comunicazione nazionale, della piattaforma nazionale e la nuova edizione della Giornata Nazionale Cinema per la Scuola.

Locandina 76 mostra internazionale cinema Venezia

Giusta la domanda, pertinente per la oggettiva difficoltà di tradurre i piani ministerali in realtà, riguardo la formazione dei docenti. E’ stato detto che da quest’anno verrà gestita a livello centrale e uniformata su tutto il territorio nazionale attraverso un unico modello di formazione, frutto della sintesi “delle migliori esperienze realizzate durante lo scorso anno dalle 6 scuole capofila assegnatarie del bando Operatori di Educazione Visiva a Scuola“. I corsi di formazione verranno gestiti da un comitato scientifico nazionale e da 20 scuole polo regionali. Sono state, inoltre, implementate le iniziative speciali con la previsione di un Bando nazionale tematico, A scuola con Fellini, dedicato al centenario della nascita di Federico Fellini, e di un Progetto di monitoraggio nazionale e attività tecnico-amministrative utili alla valutazione delle azioni promosse e a orientare l’Amministrazione nella programmazione delle attività future.

La presentazione dei nuovi bandi è stata anche l’occasione per illustrare i primi esiti delle annualità precedenti. Per l’a.s. 2017/2018 e per l’a.s. 2018/2019 il Piano ha già erogato risorse pari a 23,5 milioni di euro attraverso l’emanazione di 5 Bandi rivolti a Enti, Fondazioni, Associazioni e scuole di ogni ordine e grado, dimostrando una larghissima partecipazione con oltre 800 progetti presentati e 496 progetti finanziati.

La partecipazione ai bandi per regione si è rivelata proporzionale alla popolazione scolastica, con in testa il Lazio (167 progetti), la Campania (100) e la Lombardia (97). Le iniziative sostenute hanno riguardato e coinvolto tutte le tipologie di scuole, tra cui emergono chiaramente gli istituti comprensivi, che rappresentano il 36,6% delle istituzioni scolastiche partecipanti.

La riflessione dei promotori: “L’ottimo riscontro è prova della grande necessità e volontà da parte delle istituzioni scolastiche e degli operatori culturali di dotarsi di strumenti di formazione in grado di sostenere l’educazione visiva a scuola e di attività operative che, attraverso il cinema, l’audiovisivo e le sue evoluzioni, guidino gli studenti verso una conoscenza diretta di quest’arte e del suo prezioso sguardo sulla realtà”. Ineccepibile al punto che vale molto più di un Leone d’oro, di un Oscar: ne va, infatti, del futuro della stessa settima arte alla quale, l’Italia, ha certamente dato il suo contributo.

Del resto, oltre ai limiti inesplorati e abbondantemente riletti e interpretati del già citato Federico Fellini, è inconfutabile il fatto che il nostro Neorealismo ha fatto scuola.

Avatar
Riccardo Regi

Direttore di VivoUmbria.it. Perugino, laureato in Lettere, giornalista professionista dal 1990, vice direttore dei Corrieri Umbria, Arezzo, Siena, Viterbo, Rieti per 18 anni.

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi