La nanetta e lo smilzo: gli eroi letterari di Carla Vistarini vivranno con lei a Foligno nell’ambito delle iniziative della Quintana

FOLIGNO – Carla Vistarini ricorda una di quelle strade romane un po’ tortuose, che negli stradari di un tempo comparivano alla tavola 24 A, poi te le ritrovavi nella 54 C e non capivi com’era possibile. Sono strade che da maestose diventano anguste e viceversa, dove trovi il villino elegante, la piazzetta popolare, lo scorcio panoramico, un piccolo giardino e ogni tanto qualche buca che ti obbliga a tenere desta l’attenzione, a non sbracare. Per anni dietro le quinte (e i quintali, direbbe un comico da avanspettacolo, essendo stata autrice e colonna del Pavarotti & Friends, il più celebre happening internazionale della tv italiana), Carla Vistarini, tra l’altro vincitrice di ben 15 Premi Telegatto, ha attraversato diagonalmente tutto lo spettacolo italiano, non solo televisivo, dal trasgressivo e rivoluzionario Strix di Enzo Trapani all’ultrapopolare Bagaglino, teatrale, con il popolarissimo Ugo (ormai un classico, rappresentato in mezzo mondo), soprattutto canoro, autrice di canzoni memorabili, su tutte La voglia di sognare (per alcuni la più bella della Vanoni), l’amatissima Nevicata del ‘56, Buonanotte buonanotte di Mina, Mondo di Riccardo Fogli, e ancora cinematografico, con il David di Donatello per la sceneggiatura del film di Gigi Magni Nemici d’infanzia, fino al musical di Nightmare before Christmas di Tim Burton, con i testi cuciti su misura per l’amico fraterno Renato Zero. In pratica non c’è puntata di Techetè che non riporti in calce qualcosa di suo. E adesso…

Adesso Carla Vistarini è una scrittrice di successo. Con i suoi multicolori noir Se ho paura prendimi per mano e Se ricordi il mio nome, è diventata una delle punte di diamante della Corbaccio editore e proprio in qualità di narratrice sarà l’ospite d’onore dell’evento letterario organizzato dall’associazione Athena in occasione della Quintana di Foligno, nella prestigiosa cornice di Palazzo Cambiotti. Lunedì 9 alle 18, nell’incontro coordinato da Luigi Napolitano, sarà possibile familiarizzare con i suoi popolari eroi letterari, “la nanetta” e “lo smilzo”, soprattutto di sfogliare le coloratissime e pure spassose pagine della vita di Carla Vistarini, da quando, insieme alla popolare sorella Mita Medici, fiutava il vento del beat inglese sotto il palco del mitico Piper, agli incontri del “cenacolo” con gli emergenti De Gregori, Venditti, Rino Gaetano, ai primi passi di Fazio in tv, l’amicizia con Chiambretti, una serie interminabile e imperdibile di aneddoti dietro le quinte, i rapporti affettuosi con Mia Martini, lo stesso Renato Zero, le collaborazioni con Raimondo Vianello, una panoramica personale e verace degli anni che furono, visti dal finestrino di un treno in corsa, perché è già in cantiere il suo nuovo libro, e come potrebbe essere altrimenti. Nessuna anticipazione per ora. Preparate il segnalibri.

                                                                                                                                        Leo Malà

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi