Alla biblioteca Sandro Penna di San Sisto il futuro è dei libri

PERUGIA – “Non lontano dalla città medioevale di Perugia è stata costruita una biblioteca a dir poco particolare. Alcuni l’hanno definita una gomma da masticare gigante alla fragola, altri un ufo pensato e realizzato da Hello Kitty. La biblioteca, intitolata al famoso poeta italiano Penna, è unica nel suo genere, ma la scelta architettonica rimane un mistero”. E’ con queste parole che sul sito “Liberiamo.it” la Biblioteca Sandro Penna viene descritta e annoverata tra le dieci biblioteche più stravaganti del mondo. Effettivamente, già dall’esterno, si intuisce l’essenza architettonica originale e insolita ideata e progettata dall’architetto Italo Rota. Inaugurata nel 2004, a San Sisto, accanto al Teatro Brecht, è divenuta il punto di riferimento di studenti di ingegneria, medicina e altre Facoltà, ma anche luogo di incontro sociale e culturale di giovani, mamme, anziani del luogo.

Una tra le 10 biblioteche più stravaganti del mondo

All’interno è quasi impossibile trovare pareti lineari. Si sviluppa circolarmente in tre piani: al piano terra oltre al bancone informativo e all’angolo ristoro dell’ingresso, si possono trovare novità librarie, quotidiani, riviste. Alcuni tavoli si trovano nell’area centrale e tutto intorno si dispongono scaffali tematici; uno dei più copiosi e più richiesti è quello con gialli e thriller. Dvd di film per adulti e piccini sono costantemente richiesti. Un angolo interessante e innovativo è quello con libri low cost: i libri donati vengono in parte acquistati dalla biblioteca stessa, in parte venduti a basso prezzo come forma di fundraising per poter acquistare altri libri necessari. Un angolo è riservato al progetto LiberLiberatutti, blog dei ragazzi che vuole essere uno strumento partecipativo, dove i giovani lettori si sentono liberi di esprimere le loro opinioni, e dove la lettura non è vissuta come un obbligo scolastico, ma come piacere da condividere insieme, utilizzando uno strumento facile e accessibile. Nel blog vengono votati i libri proposti al fine di stilare una classifica dei 10 più interessanti. Questa iniziativa è realizzata con le scuole per ragazzi dagli 11 ai 16 anni ed è seguita da incontri con autori e dibattiti. Per le persone ipovedenti c’è una sezione, creata dal progetto “leggere facile, leggere tutti”, che contiene i classici della letteratura italiana ed internazionale. Non mancano testi in lingua originale, le più presenti sono inglese, francese, arabo, albanese e cinese. Il Fondo Clara Sereni rappresenta un vero patrimonio distribuito tra la Biblioteca Sandro Penna e la Biblioteca Villa Urbani.

Preziosi e sotto chiave i testi conservati nella sezione locale dove è possibile consultare libri interamente fatti a mano, tattili, con scritte anche i braille per bambini con difficoltà visive.

Per salire al primo piano si può scegliere di prendere l’ascensore oppure adoperare le scale e ci si ritrova in una dimensione particolare, con grande sala lettura caratterizzata dall’affaccio su piano terra. Si trovano innumerevoli libri su scaffali tondeggianti tra specchi e vetri. Salendo al secondo piano ci si catapulta nel mondo dei più piccoli. In quest’area si svolgono le attività per i più giovani ed è anche allestito l’angolo allattamento.

La Biblioteca Sandro Penna fa parte del circuito Biblionet del Comune di Perugia e gode di un gemellaggio con la Thailandia. Wifi gratuito, postazioni internet, tantissimi progetti che con cura e professionalità la responsabile Nicoletta Mencarini illustra insieme all’equipe presente.

Tra gli altri progetti la Biblioteca Sandro Penna porta avanti: Nati per leggere, Bibliobus, la Valigia del narratore, Favole a merenda, Fahrenheit. Un intero mondo a forma d’astronave tutto da scoprire.

Per saperne di più: http://turismo.comune.perugia.it/pagine/sandro-penna

Floriana Lenti
Floriana Lenti

Floriana Lenti è una fervida lettrice e ama la musica. Pugliese di Taranto, vive a Perugia dove insegna italiano ed opera in ambito sociale. Curiosa, effervescente e testarda, ha sempre la battuta pronta.

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi