fbpx

Su Radiophonica l’incontro: “FUORI MEDIA, le redazioni sono aperte ai nuovi italiani?”

PERUGIAMartedì 19 novembre a Perugia al 100dieci café alle ore 17.30 incontro
“FUORI MEDIA. Le redazioni sono aperte ai nuovi italiani?” L’incontro – trasmesso in diretta su Radiophonica – sarà seguito da uno SPAZIO DI DISCUSSIONE a cura della redazione di Radiophonica, dedicato a raccogliere commenti, riflessioni e proposte da parte delle Istituzioni, delle organizzazioni di rappresentanza del mondo del giornalismo e delle redazioni.  Diversità e inclusione sono componenti che verranno messe in relazione al perdurare della crisi del settore dell’informazione, che, spiegano gli organizzatori “ha ridotto il ricambio generazionale e, in particolare, ha quasi annullato l’ingresso di giovani con genitori immigrati, ma nati e cresciuti in Italia. Questo ha ripercussioni negative in termini di inclusione e di promozione della diversità nei media stessi, quindi ha conseguenze sulla produzione di contenuti e sul rinnovamento delle risorse umane. Così, i giovani di diversa origine che ambiscono a lavorare nel mondo dell’informazione hanno spesso intrapreso strade differenti, lavorando per piattaforme indipendenti, giornali internazionali ed usando i social-media. Si tratta, tuttavia, di esperienze che non modificano il quadro generale e per i più la possibilità di accedere stabilmente alla professione giornalistica rimane materialmente preclusa”.

Gli interventi

– Arbër Agalliu (giornalista)
– Fjona Cakalli (blogger)
– Imen Boulahrajane (economista),
– Sonny Olumati (inviato RAI , autore del libro “Il ragazzo leone” e coreografo)
–  Anna Meli (giornalista, autrice del libro “Europa, media e diversItà”).

L’evento è organizzato dall’Associazione Il Pettirosso, da Radiophonica e da ANSI (Associazione Nazionale Stampa Interculturale) con il sostegno dei fondi Otto per Mille Valdese.

Per maggiori informazioni: info@associazioneilpettirosso.org o redazione@radiophonica.com.

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

Non ci sono ancora Commenti

I commenti sono chiusi