fbpx

L’affascinante storia de “La Natività detta Ancaiani”

SPOLETO – Il dipinto, appartenuto alla Abbazia di San Pietro in Valle Suppegna, ora si trova a Berlino Gemaldegalerie (Boden Museum) staatliche museum. Una tela che misura 245×245 cm.

Un dipinto che ha attraversato numerose vicende più o meno gioiose. L’ opera era collocata, come detto, sull’altare maggiore della abbazia di San Pietro in Valle Suppegna li conservata fino ai primi del XVIII secolo.

Particolare delle decorazioni del dipinto: lo stemma Ancaiani al centro e ai lati San Benebetto e Santa Scolastica

Viste le condizioni precarie del dipinto a causa dell’ umidità con i colori iniziavano a staccarsi dalla tela, l’abate Decio Ancaiani, ne fece incollare un altra nuova dietro da Domenico Michelini e chiese alla Sacra Congregazione il permesso per portare l’opera originale presso la cappella di San Benedetto della sua famiglia a palazzo Ancaiani di Spoleto sostituendola con una copia. Il permesso fu concesso dal cardinale Francesco Barberini con un documento firmato il 18 settembre del 1733; (Il documento fu rinvenuto dal Pungileoni dopo aver esaminato le carte dell’archivio della famiglia Ancaiani da parte dell’ Arcivescovo Mario Ancaiani. Si decise di fare una copia del dipinto e ricollocarla in Abbazia. La copia fu commissionata a Sebastiano Conca, ma questa copia non raggiunse mai San Pietro in valle. All’epoca del Pungileoni quindi l’opera era alla cappella di San Bendetto di Spoleto (cappella che verra’ distrutta nel 1833 per il passaggio della strada interna alla citta). Nel 1825 la famiglia Ancaiani fece portare il dipinto a Roma. Per qualche anno fu esposta a Castel Sant’Angelo, poi fino al 1833 a Palazzo Torlonia. In questo anno fu acquistata per 6000 scudi romani per il museo di Berlino. (da precisare che gli Ancaiani successivamente, con Decio Ancaiani, morto senza eredi diretti, nel loro feudo di Ancaiano, la rocca passò ai parenti più prossimi, Giannuzzi Savelli (Carlo, Maria e Paolina). Gli attuali proprietari della Rocca sono Gianvincenzo e Paola Coppi; infatti, l’hanno ereditata da Paolina Giannuzzi Savelli, la nonna paterna).  Il Passavant riferisce che il Raffaello lo avesse dipinto su commissione dell abate Ancaiano Ancaiani (Abate dal1478 al 1503). Nel 1860 Si riferiscono attribuzioni allo Spagna. Il Sansi menziono l’ opera, cosi pure il Lermolieff; il Berenson lo incluse tra le opere dell’artista prima del 1503; il Lupattelli osservo’ che si doveva al Passavant l’attribuzione allo Spagna; Il Cavalcaselle, notando che la Nativita’ di Berlino era in analogia con l’altra del convento della Spineta di Todi, non l’attribui a Raffaello;  lo Gnoli e il Bandini la ritennero anteriore al 1503 considerando lo stemma di Ancaiano Ancaiani; il Fausti la colloco’ nel 1500; il Val Marle segui il Cavalcaselle considerandola eseguita prima del 1503; anche il Perkins e il Gamba la collocano nel 1503. Ma il colpo di scena sull’esatta datazione dell’opera, il committente e l’autore (come riferisce lo storico dell’arte prof. Giovanna Sapori) viene da un documento ritrovato da Luigi Rambotti nell’Archivio di Stato di Spoleto nel 2004 in occasione delle ricerche per la mostra sullo Spagna. Ma andiamo a scoprire il documento: il 14 Febbraio del 1508 nell’orto della chiesa San Benedetto a Spoleto, presso le case Ancaiani, Eusepio Ancaiani, abate di San Pietro in valle, il notaio Giovanmoscatello di Ser Guglielmo e il pittore Giovanni Di Pietro detto lo Spagna si incontrano per stipulare un contratto, per ottanta fiorini l’ artista dipingera’ una Adorazione dei Magi su tela. La preziosa inquadratura a candelabre, il fregio di divinita’ marine, la presenza di riquadri di due sibille in simmetria con i Santi Benedetto e Scolastica, potrebbero infatti riflettere le inclinazioni del gusto dell’abate, probabilmente legato alla cerchia umanistica di Saverio Minervio, Benedetto Egio, Gregorio Elladio che fiori a Spoleto intorno al convento agostiniano di San Nicolò fra quattrocento e cinquecento.

Avatar
Carlo Favetti

Nato a Ferentillo, ho pubblicato saggi d'arte, volumi di storia e libri di poesie. Ho collaborato con il Corriere dell'Umbria dal 1998 al 2010 e poi con il Il Giornale dell'Umbria. Nel 1993 ho fondato l'associazione culturale Alberico I Cybo Malaspina.

No Comments Yet

Comments are closed

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!