Jojo Rabbit di Taika Waititi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Ambientato nella Germania del 1944 è la storia di un bambino di 10 anni che vive con sua madre (Scarlett Johansson) , una donna dolce e amorevole mentre suo padre si trova a combattere al fronte in Italia.
Jo Jo è un bambino che ama la disciplina e nutre un forte sentimento nazionalista, ha come amico immaginario Adolf Hitler (Taika Waititi) che è sempre pronto ad aiutarlo nei momenti di maggiore sconforto e difficoltà. Jojo odia gli ebrei, nonostante non ne abbia mai visto uno, è fermamente convinto che sia giusto ucciderli. La sua opinione cambia completamente quando scopre che sua madre nasconde in soffitta una ragazza ebrea. Da questo momento in poi Jojo prenderà coscienza della realtà e metterà in discussione i valori nazionalisti.
Il film è una spietata satira rivolta all’odio diffuso negli anni Quaranta in Germania tramite lo sguardo innocente di bimbo ignaro del uso di potere fatto sulla sua coscienza. La domanda che ci poniamo è fino a che punto non siamo in grado di vedere la realtà intorno a noi e quanto la propaganda condizioni le nostre coscienze senza farci riconoscere il vero nemico.
Il film è tra le candidature agli Oscar 2020 in lista come Miglior film, Miglior attrice non protagonista (Scarlett Johansson), Miglior sceneggiatura adattata, Miglior Montaggio, Migliori costumi e Migliori scenografie.

Articoli correlati

Commenti