fbpx

Torna a rivivere l’Abbazia di San Simeone a Molenano di Stroncone

Agenzia Petra

STRONCONE – La gloriosa Abbazia di San Simeone a Molenano di Stroncone, torna a rivivere grazie ai “ricostruttori della preghiera”. Nelle verdeggianti colline immerse nei boschi di lecci e castagni con la fauna protetta che popola questi luoghi pieni di misticismo, il gioiello benedettino torna a svolgere non solo il suo ruolo spirituale ma anche di attrattiva turistica dopo decenni di abbandono e degrado di ogni tipo. 26 anni di attività dei ricostruttori con la “preghiera profonda, fatica e sudore” hanno permesso ciò che oggi e’ notizia a tutti i credenti e non. Ma non solo San Simeone.

Agenzia Petra

Con questa filosofia di vita, i ricostruttori  hanno ridato vigore a centri come Sant’Apollinare, Santa Esuberanza, San Venerio, San Giuliano e tanti altri sono stati strappati alla sicura fine, tra mucchi di macerie e pietre antiche. Andiamo con ordine di tempo. Qui, a San Simeone, da un gruppo appena costituito, si ebbe  una crescita numerosa di giovani adepti;  da cenacolo di pochi amici ad organizzazione che ormai si e’ estesa a macchia d’olio in tutta Italia.

La filosofia e’ questa: nel raccoglimento interiore che la Provvidenza dà i suoi lumi e le sue forze a chi ha l’umiltà di abbandonarsi. Poi, fuori, nel mondo le cose cominciano a muoversi e lentamente maturano. Dalla Curia di Terni, Narni, Amelia, si apprende: “Ma i frutti non sono soltanto esteriori, restituire al mondo luoghi di preghiera abbandonati, aprire studi medici per curare chi soffre, dare agli increduli uno spiraglio di fede è anche, per chi si impegna a farlo, un modo per ricostruire se stessi”. Cerchiamo di capire, in profondo cio’ che spinge ai ricostruttori di intraprendere questo percorso ricostruttivo della fede. “La costruzione del tempio esteriore è figura della costruzione di quello interiore e la storia della salvezza individuale si sviluppa attraverso poli dell’azione e della preghiera. “La storia dei Ricostruttori parte dalla meditazione, si dispiega nell’azione e ritorna alla meditazione. Per poi di nuovo partire, lungo i giorni di questo nuovo anno, sotto la guida paziente del maestro”. Il luogo, come abbiamo accennato e’ situato nel territorio di Stroncone, e’ tra il verde e nel silenzio. Qui hanno soggiornato antiche civita’ locali come testimoniano reperti sparsi un po ovunque. Pietre che trasudano di storia e spiritualita’ sulla scia e il ricordo dei  primi eremiti hanno vissuto in questi luoghi, come del resto in varie zone della Valnerina San Pietro in Valle, San Felice di Narco, Sant’ Eutizio a Preci, anche qui le grotte furono primo abitat.

Verso l’XI secolo sia i  benedettini che i  francescani hanno contribuito a costruire ed eressero la chiesa e aggiunsero il chiostro. Fu un centro di grande spiritualita’, qui vissero Santi uomini e monaci illuminati. L’ attività spirituale  continuo’ fino ai primi anni del novecento; poi l’abbandono  progressivo e il degrado.  Tutto ciò che la devozione popolare ha arricchito con opere d’arte e interventi strutturali, e’ andato perduto per sempre ma non gli stucchi dei fratelli Grimani.  Oggi e’ ptornato a rivivere. Qui oggi non solo fece e devozione ma  nel corso dell’anno si svolgono conferenze propedeutiche, corsi annuali di asana e attività teatrali. Corsi di meditazione profonda e incontro settimanale anche per ritiri spirituali.

Agenzia Petra
Avatar
Carlo Favetti

Nato a Ferentillo, ho pubblicato saggi d'arte, volumi di storia e libri di poesie. Ho collaborato con il Corriere dell'Umbria dal 1998 al 2010 e poi con il Il Giornale dell'Umbria. Nel 1993 ho fondato l'associazione culturale Alberico I Cybo Malaspina.

No Comments Yet

Comments are closed

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!