fbpx

La Carbonara

Erano seduti una di fronte all’altro, la sala era stretta e scura; si brindava alla luna nuova. Lui non la guardava mai in viso, continuando a conversare amabilmente con gli altri come nulla stesse succedendo. Mentre sotto il tavolo stava per compiersi il loro unico atto carnale.

Sul piatto la magìa di una salsa densa e gialla ricopriva gli spaghetti bollenti e al loro primo incontro con la lingua, la dolcezza grassa dell’uovo, poi il sale stagionato e croccante del guanciale, e immediatamente, il sapore piccante e pepato del pecorino. Mai una Carbonara le era sembrata così buona e appagante.

Le loro estremità si stavano per incontrare, lei, cercando di allentare il sandalo stringato, gli aveva sfiorato il ginocchio e lui, creando una distrazione momentanea per altri commensali, le aveva raggiunto il tallone liscio e ben curato, e con le dita era riuscito a liberarla dalla stringa stretta che le stava per soffocare la caviglia. Il sospiro di lei, tra sollievo e sorpresa, aveva destato una certa curiosità tra quelli che oramai erano diventati gli inesistenti spettatori del loro incontro.

Aveva sempre considerato l’attesa parte inseparabile del piacere fin da quando da ragazzina aspettava la maturazione dei fichi dell’albero nel giardino a casa dei suoi genitori, godendosi l’arrivo del momento in cui vi avrebbe infilato i denti con la buccia e tutto.

Uno sguardo e si erano trovati fuori nel vicolo annodati tra di loro come a fermare il tempo e i pensieri. Un attimo, le era sembrato, ma una voce lontana chiedeva qualcosa a proposito di un dolce. In un soffio erano di nuovo al tavolo, gli spaghetti ormai freddi giacevano tristi sul piatto.

“Sì, un gelato anche per me, grazie”. Era quello che ci voleva per placare il fuoco di entrambi.

Carbonara per due

200 gr di spaghetti di alta qualità

1 uovo

1 tuorlo

2 cucchiaiate di pecorino piccante

100 gr di guanciale  tagliato a striscioline sottili

Sale 

Pepe

 

Lessate gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata e, nel frattempo, in un contenitore battete insieme il resto degli ingredienti, e friggete il guanciale. Una volta pronta, versate la pasta scolata bene, in una terrina capiente e poi ci aggiungete il condimento mescolando. Apparecchiate bene la tavola, abbiate cura invitare la persona giusta, indossate una spruzzata di profumo e il vestito perfetto.

Buon San Valentino.

Silvia Buitoni

Silvia Buitoni, cuoca per diletto, scrittrice per passione e creatrice del gruppo Facebook "Dall’uovo alla coque al ragù"

No Comments Yet

Comments are closed

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!