fbpx

I contagi e la storia: Precetto e la giovane coppia di cinesi

Agenzia Petra

FERENTILLO – I contagi tornano sotto varie forme, con vari nomi, ma sempre tragedie sono, che sia peste, colera, spagnola, sars, e ora…coronavirus. E un esempio, di come nel corso dei secoli le vicende si ripetono, ce lo danno alcuni personaggi che riposano nel cimitero museo delle mummie nell’antica chiesa, oggi cripta di Santo Stefano a Precetto: la coppia di cinesi tanto misteriosi e tanto ammirati.

Agenzia Petra

 

Cimitero delle mummie, affreschi del XV secolo

La loro storia e’ frutto di racconti orali tramandati dai vecchi custodi, immortalati nei libri fino ad oggi. Soltanto della donna si conserva il corpo ancora vestito, mentre di lui rimane soltanto la testa. A-Tuan (lui) fu chiamato così perché nacque nel giorno del Tuan Wuchieh (festa del dragone) che e’ in Cina  il quinto giorno della quinta luna. Venticinquenne, figlio di un facoltoso Mandarino, A-Tuan si innamorò della bella Fiore d’ Estate (lei) ventiduenne di umili origini, ballerina alla corte dell’ imperatore. A-Tuan si sposò con Fiore d’ Estate, in una fastosissima cerimonia durata sei giorni. Per festeggiare le nozze fu deciso il viaggio in occidente, a Venezia, dove il padre di A-Tuan poteva contare sull’amicizia dello speziale messer Louis.

 

Dopo un lungo e felice viaggio, i due giovani giunsero nella serenissima dove furono accolti con tutti gli onori dovuti agli amici, nobili ospiti orientali. La vita nella laguna trascorreva spensierata per i due giovani. Passeggiate lungo piazza San Marco, Ponte dei Sospiri, e di sera sulle gondole ad ammirare la città luccicare sotto il velo fantasma della nebbia. Essendo cattolica Fiore d’Estate volle pure visitare la città di San Pietro. Cosi i due giunsero a Roma. C’era molta gente in citta’. Capitavano durante un Anno Santo Straordinario. E qui i due giovani furono colpiti da un male terribile: il colera. Fuggirono dalla citta’ Santa e si spinsero nell’entroterra umbro, forse per recarsi a Triponzo dove le fonti termali potevano far sperare nel miracolo della guarigione. Era un giorno molto caldo. I sintomi del male erano evidenti in Fiore d’Estate. A-Tuan la teneva stretta al petto, le accarezzava la fronte le asciugava i capelli neri impregnati di sudore. La baciava, dolcemente.

Fiore d’estate, la cinese

Furono trovati all’alba sui gradini della chiesa di Santo Stefano. Fiore d’ Estate teneva stretto in mano il piccolo crocefisso d’oro regalatole dal suo A-Tuan.

I resti di A Tuan

Dalle nostre ricerche, compare che nel 1644 giunse in tutta l’Umbria la cosiddetta “terzana” già propagatasi nel Lazio. Ecco in sintesi la storia dei cinesi, pezzo pregiato del cimitero museo di Precetto.

Agenzia Petra
Avatar
Carlo Favetti

Nato a Ferentillo, ho pubblicato saggi d'arte, volumi di storia e libri di poesie. Ho collaborato con il Corriere dell'Umbria dal 1998 al 2010 e poi con il Il Giornale dell'Umbria. Nel 1993 ho fondato l'associazione culturale Alberico I Cybo Malaspina.

No Comments Yet

Comments are closed

VIVO UMBRIA – TESTATA ONLINE

DIRETTORE RESPONSABILE

RICCARDO REGI

PLURISETTIMANALE REG. TRIBUNALE DI

PERUGIA N.4 – 8 FEBBRAIO 2019

Vivo Umbria s.r.l.s.

Partita IVA 03654910540

Via Monteneri 43

06129 Sant’Andrea delle Fratte, Perugia

redazione@vivoumbria.it

Seguici su
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!