Il travolgente Bluesfattincasa dell'Associazione Culturale Visualcam

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

“Il blues è da sempre un modo di essere, prima ancora che un tipo di musica” scrisse Alan Lomax, etnomusicologo, antropologo e produttore discografico statunitense nel suo celebre libro “La terra del Blues” edito nel 1993. E chi ha conosciuto Mauro Magrini, in arte Little Blue Slim, può davvero comprendere il profondo significato di questa affermazione.

 
Prima di tutto perché l’artista Mauro Magrini è sempre presente negli eventi in cui c’è bella musica dal vivo, poi perché, con fare riservato, semplice e genuino, sale sul palco per narrare, cantare e suonare il blues coinvolgendo tutti gli spettatori, e poi ancora perché ha coinvolto totalmente la sua compagna Arianna Fiandrini, che lo accompagna ovunque suonando e cantando in ogni concerto e performance. Insomma, per essere sintetici: Mauro Magrini è in grado di catturare tutti i suoi amici, i conoscenti, gli appassionati di blues nel suo mondo di accordi e sonorità travolgenti. Ed ancor prima dell’emergenza Covid 19 ha dato il via ad una iniziativa originale che ha conquistato a macchia d’olio l’intera Penisola, giungendo a New Orleans. Ma partiamo dal principio.
Il travolgente Bluesfattincasa di Mauro Magrini
Mauro, raccontaci il tuo amore per il Blues… e dell’album di esordio “Naturalmente”.

Ho iniziato ad ascoltare musica tradizionale americana grazie ai fratelli Sereni, due amici musicisti del mio paese e quando ho capito che mi stava piacendo, l’effetto del blues era già in circolo e qualsiasi strumento io suonassi o provassi a suonare, non riuscivo a pensare che a quelle melodie, quelle storie, quel mood. Bastano poche note per penetrare l’animo e questi bluesman ci riuscivano e di brutto. L’album “Naturalmente” è arrivato l’anno scorso, dopo 2 ep, ed è stata una scommessa con me stesso, soprattutto perché sono tutti brani originali e suonati da one man band con vari special guest sparsi qua e là tra le song.
Quando è nata l’idea di rivoluzionare i vostri spazi per dare vita al Bluesfattincasa?
Io e la mia compagna Arianna Fiandrini siamo due Film-maker, ideiamo, sviluppiamo e produciamo format, videoclip, pubblicità, documentari e molto altro.  L’idea ci è nata per caso, avevamo acquistato nuove attrezzature per la regia mobile e dovevamo provarle. Allora abbiamo pensato invece di fare le solite tristi prove, perché non fare delle dirette su Facebook? All’inizio avevamo in mente solo di suonare e chiacchierare un po’ dal divano di casa. Poi pensando e ripensando, analizzando le potenzialità di quel piccolo embrione artistico, è nata l’idea di invitare anche altri artisti e di creare un format d’intrattenimento culturale sul blues non solo legato alla musica, ma alla sua filosofia e tutta l’arte che gli gravita intorno. Infatti, nelle prime puntate di Bluesfattincasa leggevamo anche racconti tratti da libri, per essere più precisi dello scrittore Roberto Menabò, che ha scritto dei magnifici libri su personaggi maschili e femminili del blues. Per cui all’inizio del progetto i nostri due divani di casa ospitavano musicisti e attori, inoltre chiedevamo a chi voleva di mandarci contributi video che noi poi mettevamo in diretta al posto della pubblicità.
Bluesfattincasa di Mauro Magrini
Come è variato il modo di condurre il progetto in questa fase in cui dobbiamo stare a casa per l’emergenza coronavirus?

Purtroppo dopo la 4°puntata di Bluesfattincasa è iniziata la quarantena forzata e allora abbiamo dovuto rivedere la struttura del programma, ma solo a livello tecnico. Abbiamo iniziato a reclutare gli artisti con collegamenti video in tutt’Italia, partendo dai nostri contatti. Eravamo però limitati, dunque, ci è venuta l’idea di creare un gruppo dove poter condividere questo progetto ed è nato il gruppo Fb Bluesfattincasa che è subito cresciuto, ad oggi siamo oltre 750 membri. In tanti hanno iniziato a darci consigli e suggerimenti su come arricchire il format e sono nate splendide collaborazioni. Successivamente sono arrivati un sacco di video “fattincasa” dai bluesmen italiani. Ci è venuto in aiuto Christian Cogoli in arte BB Chris, un one man band di Milano, che ha iniziato a curare la rubrica “HomeMade Video Clips”. Un’idea geniale è venuta al presidente di Blues Made in Italy, Lorenz Zadro da Cerea di Verona, un quiz per gli artisti dal nome “BluesQueeze” che lui cura. Abbiamo anche osato, senza aspettative, in questo strano periodo, contattando artisti importanti, che con nostro stupore hanno abbracciato il progetto e sono stati nostri ospiti come Andrea Braido e Dr Feelgood di Virgin Radio… e abbiamo pensato anche di entrare in collaborazione con i due locali umbri dove gravitano i migliori musicisti Italiani ed internazionali: L’Onda Road degli amici Andrea Dini e Gianluca Di Maggio patron del Trasimeno Blues e il Bad King di Perugia grazie al mitico Antonio Ballarano. Proprio grazie ad quest’ultimo, direttore artistico, abbiamo avuto l’onore di ospitare il chitarrista della Bandabardò Finaz. Per cui… che dire: non tutti i mali vengono per nuocere, ma anzi da questa situazione sta nascendo un progetto culturale solidale, che è anche quello che volevamo, perché Bluesfattincasa è per tutti e di tutti.
Bluesfattincasa di Mauro Magrini

Quali sono gli ospiti (importanti e non) che avete accolto fino ad ora?

Nella 1° puntata, nella quale ci dovevamo anche rodare, abbiamo avuto come ospite il chitarrista blues Fabrizio Martin leader della Martin’s Gumbo Blues Band. Nella 2° puntata Riccardo Migliarini, armonicista, accompagnato da Fabrizio Martin, ci ha raccontato come lui insieme a Maurizio Pugno, con la Rico Combo Blues, hanno portato in Umbria il blues ed inoltre è venuto a leggere in diretta una storia Marco Truffarelli. Nella 3° puntata il chitarrista Emanuele Sereni ci ha parlato del mondo della chitarra elettrica. Nella 4° puntata ci è venuto a trovare da Matera l’armonicista Mino Lionetti, accompagnato da Fabrizio Martin (grande amico che ci ha dato una grandissima mano all’inizio del progetto), e ci ha raccontato la sua storia e a sorpresa ci sono venuti a trovare prima l’Assessore di Corciano Andrea Braconi, tra l’altro assessore all’associazionismo, e poi l’Assessore Francesco Mangano sempre del Comune di Corciano, che suona la chitarra. Nella 5° puntata, sono iniziati i collegamenti video, due grandi del blues Veronica Sbergia e Max De Bernardi sono stati in collegamento con noi dal loro divano di casa. Inoltre grazie all’appoggio, ancora in tempi non sospetti, dell’Onda Road avevamo raccolto un’intervista al mitico Luca Giordano che abbiamo messo in onda e con Roberto Biselli, Direttore del Teatro di Sacco di Perugia: abbiamo recitato la scena del Balcone di Romeo e Giulietta al tempo delle video chiamate. Nella 6° puntata è intervenuto il Presidente del Blues Made in Italy Lorenz Zadro, il grande chitarrista blues Umberto Porcaro dalla Sicilia e l’armonicista Beppe Semeraro da Milano. Nella 7° abbiamo avuto uno dei pionieri del blues in Italia, il grande armonicista “Puma di Lambrate” Fabio Treves e il chitarrista più richiesto dai big italiani Andrea Braido. Nell’8° puntata ci hanno deliziato della loro presenza Maurizio Faulisi in arte Dr Feelgood speaker radiofonico di Virgin Radio e il mitico Francesco Piu dalla Sardegna. Nella 9° puntata abbiamo avuto l’onore di ospitare il chitarrista della Bandabardò Alessandro Finazzo in arte Finaz e il grande chitarrista blues Dany Franchi… Nella 10° già vi possiamo dire che avremo l’armonicista Andy J Forest direttamente da New Orleans e il nostro mandolinista Lino Muoio da Roma.

Con quale frequenza andate on line?

Bluesfattincasa va in diretta streaming tutti i giovedì alle 21 e la durata in media di una puntata è di due ore. La diretta potete vederla su Facebook sulla pagina Associazione Culturale Visualcam sul gruppo Bluesfattincasa, sui nostri diari Arianna Fiandrini e Mauro Magrini e anche su YouTube canale Bluesfattincasa dove vi invitiamo ad iscrivervi. Inoltre andiamo in onda su Tv Yes, una tv di Roma canale 298 del digitale che nasce da Radio Yes e che si sta espandendo in tutta l’Italia e che si trova anche su Sky canale 839, di solito il sabato e la domenica alle 20:30.
Fuori c’è il sole

 
Quando terminerà questo periodo di difficoltà come intendete riprendere e chi desiderate avere accanto per una bella condivisione musicale?
Sicuramente continueremo ad invitare musicisti in casa per ascoltare le loro storie e la loro musica e grazie alla collaborazione con Onda Road e Bad King proseguiremo il nostro percorso sperando di intervistare e magari invitare gli artisti di spicco che faranno parte della loro futura programmazione.
E prima di poterci rivedere di persona per condividere splendide serate musicali, questi sono i link per gustarci le dirette stando comodi sul divano di casa:
✔Pagina Fb https://bit.ly/39fS8Sz
✔Canale Youtube https://bit.ly/3astmjP
✔Gruppo bluesfattincasa https://bit.ly/33IXiFv

Articoli correlati

Commenti