A Gubbio Melania Mazzucco spiega il suo amore per Plautilla, prima architettrice della storia

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

GUBBIO – Domenica 26 luglio, a Gubbio, una delle più importanti scrittrici italiane , Melania Mazzucco, al Chiostro di San Pietro per presentare il suo ultimo romanzo.
Grazie alla collaborazione tra Comune di GubbioBiblioteca Comunale Sperelliana e La Città Delle Donne Aps, un altro appuntamento con la grande letteratura del nostro tempo.
Il romanzo di Melania Mazzucco, “L’architettrice”, ha soffiato via la polvere sulla vita e le opere di Plautilla Bricci, prima architettrice della Storia, riaprendo un dibattito, a lungo sopito, per cui l’architettura sia o non sia stata soltanto materia di uomini, così come assodato nel mondo contemporaneo. Seppure la percezione popolare abbia risentito molto dello spazio, così piccolo, che le donne hanno occupato nel mondo dell’architettura.
Leggendo la storia di Plautilla Bricci, non si può fare a meno di amare questa donna, così autenticamente capace e al contempo scaltra nel divincolarsi tra divieti, pregiudizi e convenzioni, che avrebbero potuto impedirle di mettere a frutto il suo sapere e negare alla storia il suo genio creativo.
Importantissima a livello italiano e internazionale, prima donna ad aver costruito edifici di cui si abbia notizia certa, Plautilla costruisce Il Vascello, sul Gianicolo, a Roma, un’opera dal destino particolare. Nel 1849, nel momento in cui i Francesi distruggono a cannonate l’edificio, la Repubblica Romana finisce. Nel romanzo, la vita di Plautilla e quella dell’edificio da lei progettato, si fondono e si intrecciano dando vita ad un unicum che costituisce la spina dorsale del racconto.
Melania Mazzucco autrice di Il bacio della Medusa (1996), La camera di Baltus (1998), Lei cosí amata (2000, Super ET 2012), sulla scrittrice Annemarie Schwarzenbach, Vita (2003, Premio Strega, Super ET 2014), Un giorno perfetto (2005, Super ET 2017), da cui Ferzan Ozpetek trae l’omonimo film. Al pittore veneziano Tintoretto dedica il romanzo La lunga attesa dell’angelo (2008, Premio Bagutta), la monumentale biografia Jacomo Tintoretto & i suoi figli. Storia di una famiglia veneziana (2009, Premio Comisso) e il docufilm Tintoretto, un ribelle a Venezia (2019), da lei ideato e scritto per Sky Arte, distribuito in tutto il mondo.
Nel gennaio 2011 riceve il Premio letterario Viareggio – Tobino come Autore dell’Anno.
Ha scritto per il cinema, il teatro e la radio e collabora con «la Repubblica».
I suoi romanzi sono tradotti in 27 Paesi.
Con L’architettrice, Mazzucco torna al romanzo storico, alla passione per l’arte e i suoi interpreti.
Mentre racconta fasti, intrighi, violenze e miserie della Roma dei papi, e il fervore di un secolo insieme bigotto e libertino, ci regala il ritratto di una donna straordinaria.
“E’ una grande gioia ed un onore, per me, poter incontrare e dialogare con una scrittrice dal così grande talento e così, oserei dire, perfetta per soddisfare il mio gusto letterario” ci confessa Giorgia Gaggiotti, tra le fondatrici de La città delle Donne Aps e presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Gubbio “Così come è un piacere e un onore portarla all’attenzione del pubblico eugubino, che ha già dimostrato grande interesse per quella parte ancora tanto sconosciuta e avvolta da una fitta nebbia della storia, quella delle donne. Una storia che, se riscoperta e valorizzata, diventa materia viva e capace di modificare il presente, la nostra cultura e, di conseguenza, il nostro futuro. In linea con la mission dell’associazione, il 26 parleremo di talento e sapere femminile, per trovare nuove ispirazioni e per intraprendere quegli “infiniti percorsi” verso La città delle Donne del nostro claim”
Io Donna
Una donna non l’aveva mai fatto
Scegliere le tegole del tetto, immaginare facciate, logge e scale. Tirare su una villa, dirigerne i lavori. Melania Mazzucco racconta la vicenda straordinaria di Plautilla, la prima donna architetto d’Europa. Tra fasti, intrighi, violenze e miserie della Roma Barocca
A Cura Di Maria Grazia Ligato
F
GENIALE ARTISTA DEL’600
STORIE della settimana
Figlia di un pittore di poca fama, bizzarro e vulcanico, Plautilla crebbe nei rioni popolari di Roma. Fu la prima architetto donna, ma di lei si persero le tracce.
Ora una scrittrice le ridà voce nel suo romanzo. E a F regala un ritratto inedito di questa icona da riscoprire
Melania G. Mazzucco
La Repubblica – Nazionale
Grazie Plautilla, hai reso femmina l’architettura icone da (ri)scoprire
Nel suo ultimo libro Melania Mazzucco restituisce la voce a un’artista dall’immenso talento, decisa a farsi strada nella Roma dei papi, di Bernini e di Borromini. Ecco cosa possiamo ancora imparare da lei
Alberto Asor Rosa
La Stampa
TuttoLibri
Plautilla, figlia della Roma plebea che diventò la prima architetta d’Italia
Quando le maestranze non prendevano ordini da una donna, lei progettò la villa per il segretario di Mazzarino L’avventurosa ascesa di un’artista geniale nel ‘600, secolo della dissimulazione

Angelo Guglielmi
L’appuntamento con Melania Mazzucco è ad ingresso gratuito.

Articoli correlati

Commenti