"Lavorare è una parola", un libro sulla crisi nell'era Covid

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SIENA – Si parlerà di lavoro al Podere di Pietraporciana sabato 29 agosto alle 18. Nel Centro visite della Riserva immersa nella natura, a pochi passi dalla faggeta storica, in località Sarteano – Siena, sarà presentato il libro “Lavorare è una parola” insieme ai curatori Altero Frigerio e Roberta Lisi. A dialogare con loro la giornalista Floriana Lenti, don Carlo Prezzolini de “Il piccolo Chiostro” e Claudio Treves del direttivo nazionale Cgil. Di recentissima pubblicazione, il testo, Donzelli editore, scritto durante l’emergenza coronavirus, si presenta come “Un alfabeto corale a cinquant’anni dallo Statuto dei lavoratori” e contiene una vera e propria fotografia dell’attuale situazione occupazionale a cui hanno contribuito illustri firme del giornalismo, politici, professori, attivisti sindacali, presidenti di associazione ed organizzazioni, lavoratori. La prefazione di Enrico Letta introduce le tematiche ponendo l’accento su come si stia vivendo una trasformazione radicale del lavoro dettato dai fattori più variegati. In ventiquattro capitoli emergono forti i concetti legati alla dignità, alla disuguaglianza, all’esigenza di rimettere al centro le persone. E’ sempre più necessario prendersi del tempo per osservare quello che accade, per recuperare quanto la crisi ha sottratto ad ogni azienda e ad ogni individuo, e per riorganizzare una possibile ripresa collettiva volta al bene comune. Sabato sarà un modo per parlarne e per riappropriarci di uno spazio di urgente riflessione.
 
A seguire sarà possibile fermarsi a cena presso il Podere Pietraporciana su prenotazioni che possono essere effettuate
– via telefono o whatsApp a questi numeri: fisso – 0578 612 08; mobile – 327 348 16 19.
– email: riservapietraporciana@gmail.com
– pagina Facebook: Pietraporciana – Centro visite della Riserva

Articoli correlati

Commenti