fbpx

Panicale, Piegaro e Paciano pronte ad accogliere gli 800 alunni dell’Istituto comprensivo

TRASIMENO – Dopo un impegnativo lavoro di concerto tra Dirigenza scolastica, Amministrazioni comunali e fornitori di servizi, i 16 plessi dell’Istituto comprensivo Panicale-Piegaro-Paciano sono pronti ad accogliere in sicurezza i loro 838 studenti a partire dal 14 settembre.

Gli edifici, come riferisce il dirigente scolastico Simone Casucci, nei mesi estivi sono stati interessati da lavori di miglioramento ad opera delle tre Amministrazioni comunali, volti a garantire un rientro funzionale ed in sicurezza. In questi giorni che precedono la riapertura invece il personale Ata ed i docenti stanno provvedendo a sistemare, organizzare, pianificare gli spazi di accoglienza secondo le linee guida del Ministero, adattandole alle specifiche realtà. 

“E’ stato istituito un Comitato Organizzativo per la sicurezza Covid 19 – informa Casucci – per attivare tutte le procedure necessarie ad un rientro in sicurezza per gli studenti e per il personale scolastico. Da quest’anno, per esigenze logistiche e di ottimizzazione delle risorse umane, è stato esteso a tutto il Comprensivo il tempo scuola su 5 giorni, dal lunedì al venerdì, con entrata alle 7.45, prevedendo una accoglienza flessibile degli studenti (soprattutto quelli che arrivano con i trasporti pubblici) ed uscite differenziate rispetto all’ordine di scuola. 

L’orario scolastico è stato condiviso con le Amministrazioni locali al fine di garantire l’accoglienza di tutti gli studenti, soprattutto quelli che vengono dalle frazioni più remote con i mezzi pubblici”.

Secondo quanto riferisce ancora il dirigente, la scuola ha aderito con entusiasmo al progetto formativo promosso dal prof. Capurso dell’Università di Perugia per preparare i docenti all’accoglienza degli studenti delle classi prime in tempo di Covid 19, condividendo il percorso di ricerca che accompagnerà l’intera comunità scolastica in queste prime settimane di rientro.

Per la prima settimana, dal 14 al 18 settembre, verrà attivato un orario ridotto, senza rientri e mensa. Presumibilmente dal 23 settembre (ovvero dopo il referendum) verrà attivato l’orario ordinario approvato in sede di Consiglio di Istituto del 4 settembre 2020. “La mancanza di certezza rispetto al 23 settembre del pieno regime – spiega Casucci – è legata al fatto di non avere ancora tutti i docenti nelle cattedre (soprattutto i docenti di sostegno), una presenza di personale Ata sottodimensionata rispetto al fabbisogno e alla necessità di concordare con le amministrazioni locali e con la ditta che ha in appalto le mense le condizioni di gestione/igienizzazione locali pre e post refezione”.

Non è prevista pre-accoglienza nei plessi, per motivi logistici e a garanzia della sicurezza sanitaria. Le modalità di accesso ai vari plessi verranno fornite in settimana ai genitori. Rispetto agli anni passati viene limitato l’accesso a personale non scolastico in orari non definiti proprio per garantire la migliore gestione possibile delle risorse scolastiche a disposizione.

Attraverso il sito istituzionale della scuola ed il registro elettronico verranno fornite specifiche indicazioni procedurali rispetto all’organizzazione, alle regole ed alla gestione generale della scuola e sarà necessario che le famiglie lo consultino quotidianamente. 

Da lunedì 7 settembre verrà inviato il modulo di Autocertificazione Covid 19 per le famiglie che dovrà essere debitamente compilato, firmato e restituito (anche in modalità digitale) alla segreteria entro il 10 settembre 2020.

L’accesso alle segreterie potrà avvenire solo su appuntamento (preferibilmente tramite posta elettronica e telefonico) nel rispetto delle regole di prevenzione e negli orari indicati nel sito.

“Si richiede alle famiglie – conclude Casucci – disponibilità e rispetto delle regole indicate nel Regolamento di Istituto e sottoscritte nel Patto di Corresponsabilità”.

Entrando nello specifico delle singole realtà comunali, a Paciano, “con la collaborazione tra le istituzioni e la disponibilità dei fornitori di servizi – rende noto l’Amministrazione – siamo ormai pronti per la riapertura in sicurezza delle scuole”. Qui il principale cambiamento è rappresentato dalla dislocazione delle scuole secondarie di primo grado che faranno lezione al primo piano, utilizzando aule più spaziose.  

A Panicale l’elemento di novità riguarda la Primaria di Tavernelle dove viene introdotta la settimana corta. L’Amministrazione sta intraprendendo collaborazioni con il mondo associativo e sportivo per “offerte aggiuntive” il sabato mattina. In prossimità dei plessi scolastici di Panicale e Tavernelle è poi in cantiere il progetto di rifacimento della segnaletica stradale e l’ampliamento delle aree pedonali.
A Piegaro il Comune rende noto che metterà a disposizione degli alunni di tutti i plessi della scuola primaria e secondaria di primo grado mascherine personalizzate con il logo della scuola, così come richiesto dal Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze. Qui anche quest’anno il trasporto scolastico e il servizio mensa in sicurezza saranno garantiti a tutti i richiedenti.    

Le famiglie saranno tuttavia informate di tutte le nuove disposizioni nell’incontro pubblico di mercoledì 9 settembre alle ore 19 presso il centro polifunzionale l’Occhio di Tavernelle.

Foto di copertina Orizzontescuola.it

Avatar
Redazione Vivo Umbria

Vivo Umbria: arte, cinema, danza, folklore, musica, letteratura, teatro sempre in primo piano

No Comments Yet

Comments are closed

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
Attraverso il sostegno finanziario ricevuto dal POR FESR 2014-2020, Avviso a sostegno per l’innovazione digitale nelle micro e piccole imprese 2019, l’azienda ha potuto realizzare il proprio sito e-commerce.
Obiettivi raggiunti dalla nostra azienda: innovazione attraverso l’utilizzo dell’ICT , visibilità dei servizi offerti, competizione sul mercato nazionale.
Through POR FESR 2014-2020 financial support, the company was able to get his own e-commerce site.
Objectives achieved by our company: innovation through the use of ICT, visibility of the services offered, competition on the national market.
***