Assisi OnLive "esame" superato: 15 spettacoli, 6 location, oltre 2.500 spettatori

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

ASSISI 15 spettacoli, 6 location, oltre 2500 spettatori (di cui il 25% proveniente da fuori regione) per più di 50 artisti che si sono esibiti tra musica, teatro, poesia, letteratura e arte: questi i numeri della prima edizione di Assisi OnLive, progetto promosso dalla Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco, il Piccolo Teatro degli Instabili, l’Associazione Culturale Riverock, l’Associazione Umbra Canzone e Musica d’Autore e l’Associazione Culturale Zona Franca, con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune della Città di Assisi.

“Un bilancio più che positivo” per gli organizzatori della kermesse andata in scena dall’8 agosto al 17 settembre tra la Basilica Superiore di San Francesco, la Rocca Maggiore, il Giardino degli Incanti, il Monte Subasio, la Sala delle Logge e l’Anfiteatro della Pro Civitate Christiana.

“Non è stato facile riuscire a organizzare così velocemente un Festival – asseriscono – e soprattutto farlo lavorando spalla a spalla tutti i giorni, come non avevamo mai fatto prima. Ma per noi Assisi non poteva essere abbandonata a un’estate silenziosa e così abbiamo cambiato prospettiva, cercando di creare un progetto che uscisse dai canoni degli eventi che in passato ognuno di noi aveva organizzato. Siamo felici per i risultati ottenuti, non ultimo il nostro fermo volere di riaffermare il valore unico degli spettacoli dal vivo, che finalmente sono tornati ad essere live, seppur quelli online, per fortuna, ci hanno potuto accompagnare durante tutto il lockdown”.

Il Festival ha dimostrato come la cultura sia parte integrante delle nostre esistenze: “non si può considerare parte marginale della vita sociale di una comunità ma, piuttosto, come elemento decisivo per la sua rinascita e il suo futuro. Non solo, la cultura è anche fonte primaria di indotto economico – più che necessario per una buona ripartenza – se pensiamo a tutte le maestranze che vengono coinvolte in festival come “Assisi OnLive”. Nel nostro caso, tra l’altro, quasi tutte del territorio”.

Uno sforzo economico importante per le cinque realtà organizzatrici – considerando la mancanza di contributi pubblici a sostegno dell’iniziativa – ma decisivo per far ripartire un settore, come quello degli spettacoli live, tra i più colpiti dal Covid. “Dobbiamo ringraziare – concludono gli organizzatori – le tante realtà che ci hanno aiutato a rendere possibile Assisi OnLive, dal Comune che ha contributo alla logistica, agli sponsor privati e ai tanti professionisti che ci hanno supportato in questo splendido viaggio, alla Pro Civitate Christiana per aver ospitato due dei nostri spettacoli, nonché gli artisti stessi che hanno creduto in questo progetto, consapevoli dell’importanza di tornare in scena”.

“Assisi OnLive 2020” ha visto protagonisti l’Assisi Summer School Choir, Rachele Andrioli e Rocco Nigro, Giulia Zeetti, Sandro Frizzerio, Ascanio Celestini, Claudio Bisio e Gigio Alberti, Chiara Monaco, i giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia, Lucia Guarino, Teo Tehardo ed Elio Germano, Gio Evan, The Franciscan Singers, Gabriella Genisi, Vasco Brondi, Cristiano Godano e Franco Arminio.

Sito ufficiale: www.assisionlive.it 

Hashtag ufficiale #AssisiOnLive20

Articoli correlati

Commenti