Frecce Tricolori ad Assisi: durissima lettera di protesta di Rocco Altieri ai frati del Sacro Convento

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Rocco Altieri è presidente del Centro Gandhi. Pacifista, è studioso del pensiero legato alla nonviolenza e in particolare alle figure di Mahatma Gandhi e del nostro Aldo Capitini. Attualmente insegna insegna Teoria e prassi della nonviolenza all’Università di Pisa.  Ha inviato una lettera di protesta ai frati del Sacro convento di Assisi in relazione al sorvolo delle Frecce Tricolori su cieli di Assisi e della città di San Francesco in occasione del 4 ottobre scorso. Eccola.

“Il sorvolo dell’aeronautica militare su i cieli di Assisi il 4 ottobre scorso è stato un atto di una gravità inaudita, una profanazione della vocazione di Pace della città di Assisi. Tali esibizioni di aerei militari, nobilitati col nome di frecce tricolori o pattuglia acrobatica, sono simboli di morte, gravemente inquinanti e costosi, forieri di guerra, che non possono essere giustificati come spettacolo di omaggio a San Francesco. Questi sorvoli sono stati pensati dai militari, dal ministero della Difesa e dall’industria italiana Leonardo per promuovere la produzione e il commercio degli armamenti che Papa Francesco ha ripetutamente condannato. Sono sparvieri di fuoco il cui rombo fa tremare le abitazioni, spaventa le allodole care a Francesco, gli uccelli nel cielo e i bimbi sulla terra! Sono insegne imperiali di un comando violento del mondo verso cui i cristiani non accettano di prostrarsi, bruciando i granelli di incenso sull’altare della guerra. Il Dio dei cristiani è il Dio della vita e rifiuta ogni forma di idolatria: “Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra!, Isaia 2,4”.

Articoli correlati

Commenti