Due bandi per l’arte contemporanea e la fotografia: dal MiBACT fondo di 3,3 milioni di euro

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Per la nostra rubrica Lavoro e cultura, oggi vi diamo conto di due bandi che potremmo definire “dorati” visto che fanno riferimento a un fondo ministeriale pari a 3,3 milioni di euro. L’obiettivo dichiarato del MIBACT è quello di sostenere l’arte contemporanea e la fotografia.

Scadenze e contenuti

Il PAC – Piano per l’Arte Contemporanea 2020 scade il prossimo 18 dicembre, ha un valore di 2 milioni di euro, ed il bando specifica che è finalizzato “all’acquisizione, produzione e valorizzazione di opere dell’arte e della creatività contemporanea anche internazionale, destinate a incrementare le collezioni pubbliche italiane”, si legge sul bando. Possono partecipare al bando tutti i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura pubblici italiani, anche gestiti da enti privati senza scopo di lucro in grado di dimostrare una progettualità, a medio e lungo termine, nel campo del contemporaneo; possono essere presentate inoltre proposte che coinvolgono reti o poli di musei, istituti e luoghi della cultura.

Il secondo bando, ovvero  Strategia Fotografia 2020, scade il prossimo 27 novembre 2020. In questo caso sono stati stanziati 1,3 milioni di euro, da destinarsi “all’acquisizione, committenza, conservazione, valorizzazione della fotografia e della cultura fotografica italiana e internazionale”. Possono partecipare al bando musei, istituti e luoghi della cultura che intendono incrementare le proprie collezioni di fotografia o “estenderle ad essa con una progettualità mirata, attraverso acquisizioni e committenze; attuare interventi conservativi e di valorizzazione del patrimonio fotografico pubblico”. Il bando è inoltre aperto anche a enti, fondazioni, associazioni, enti del Terzo settore senza fine di lucro che svolgono attività di promozione – come mostre, eventi, manifestazioni e festival –, sviluppo, diffusione, e conoscenza del patrimonio fotografico storico e contemporaneo.

Articoli correlati

Commenti