Gustosi piatti e ciambelline all’anice per il monsignore alla locanda del Salto del Cieco Anno Domini 1568

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

FERENTILLO – Con una lettera inviata dal castello di Massa Carrara in data 22 maggio del 1567 il principe Alberico comunica ai Priori di Spoleto che inviera’ per risolvere la controversia tra Spoleto Petano e Rogoveto un un suo uditore ossia Giovanni Giudice al fine proprio di “accertare i fatti e giungere ad una rapida soluzione” ( SASS, ASCS Spoleto, Miscellanea B,262). Papa PioV il 19 Aprile del 1568 nomina monsignor Aragonia già commissario Apostolico, con incarico di trasferirsi nei luoghi oggetto della disputa per definire i confini e ristabilire la quiete. Il pontefice, in seguito, affianchera’ ad Aragonia monsignor Cesare Brumano. Aragonia si reca sul luogo della contesa e dimora nella valle del Petano, all’Osteria del Salto del Cieco, dove istruisce gli atti processuali.

Salto del Cieco, porta di accesso all’antico stabile doganale e stemma di Ferentillo

Questa seconda metà del cinquecento fu particolarmente travagliata nel territorio di Ferentillo per la scarsezza del grano e le difficoltà di approvvigionamento dovute al susseguirsi di eventi atmosferici avversi, ora con piogge devastanti, ora con siccità e conseguenti carestie che aggravano la penuria di frumento e l’insufficienza del raccolto. E’ in tale contesto che si colloca l’ abilita dell’ oste della locanda del Salto del Cieco, il quale si adopera per garantire un aprovvigionamento adeguato per ” rigovernare i testimoni e altri occorrenti in luogo detto del passo o Salto del Cieco et della valle di Petano di Spoleto per la causa con gli abbaziali”.

Salto del Cieco, stabile restaurato ex locanda doganale restaurata

La varietà degli alimenti era tale da consentire agli ospiti qualche possibilità di scelta. Erano disponibili: ” cascio, prosutti, vino, brugnoli, cedroni, pollastri, radici, cibroccatello, capretti, pescie, pane buffetto…” e riportata inoltre un unica ricetta “per fare i biscottini per detto commissario, acqua di rosa libre 2, analisi once 2, zucchero libre 2”. Ecco uno spaccato divagante della cucina tipica del luogo sulla taverna del Salto del Cieco al tempo di Alberico Principe Cybo. (Maria Paola Bianchi relazione al convegno di studi albericiani Ferentillo 30-31 maggio 2008).

Salto del Cieco, sotto il singolare balcone è  visibile lo stemma di Ferentillo

Oggi a distanza di secoli, il luogo e un sito di grande peculiarità soprattutto ambientale. Gli stabili dell’ex locanda e dogana sono stati restaurati e riportati al loro originario splendore pur rimanendo di proprietà privata. Sulla facciata ancora gli stemmi scolpiti in pietra rappresentanti l’arme di Ferentillo. Un singolare balconcino decorato con barbacani in pietra testimoniano la storia del luogo. Poco distante, i ruderi di quello che un tempo era il luogo di scambi e uffici doganali. Una escursione tra queste montagne del Salto del Cieco, tra Petano, e Rogoveto, la Pelosa e Aspra e di obbligo per gli appassionati di escursionismo e trekking.

Articoli correlati

Commenti