Il Covid rivoluziona anche il David di Donatello 2021: candidabili anche i film in streaming

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

L’Accademia del Cinema italiano si è interrogata sulla situazione determinata dal Covid. E’ lei che ogni anno assegna i Premi David di Donatello e per l’edizione 2020/21 ha cambiato le regole di eleggibilità dei film italiani candidati. Al di là delle chiusure forzate dei cinema, infatti, le produzioni continuano a lavorare e molte pellicole vengono distribuite nelle piattaforme on demand. Il regolamento a questo punto ha preso atto che il fatto di uscire  in sala non poteva più essere una prerogativa necessaria e indiscutibile per potere accedere alla selezione dei David.

La Presidente Piera Detassis e il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano all’unanimità hanno così deciso che, esclusivamente per l’anno in corso, siano considerati eleggibili per le candidature dei Premi David di Donatello 2020/21 tutti i film italiani la cui uscita era stata prevista in origine per la sala e che invece, a causa dell’emergenza epidemica e della chiusura dei cinema in diversi periodi dell’anno, sono stati diffusi attraverso le piattaforme streaming e VOD (video on demand).

Articoli correlati

Commenti