Covid: il sindaco di Trevi convoca i vertici delle forze dell’ordine

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

TREVI  – “Trevi sicura” significa monitoraggio e azioni più incisive per il contenimento del contagio da coronavirus. Sul tavolo quattro richieste avanzate da tempo e segnalate al Prefetto.

  1. Potenziare l’organico dei carabinieri in servizio a Trevi che attualmente è di 5 unità a fronte delle 7 previste per un comune di oltre 8.000 abitanti.
  2. )Programmare i controlli per l’ordine pubblico.
  3. )Vigilare sul rispetto dell’obbligo di permanenza domiciliare dei soggetti in contumacia a causa del Covid-19. 4)
  4. )Assicurare il rispetto di tutte le restrizioni previste dal Governo nelle aree arancioni.

L’incontro, si è concluso con un piano di suddivisione dei compiti: ai carabinieri l’onere dei controlli su parchi, bar ed esercizi commerciali, parchi e altri luoghi pubblici di potenziale aggregazione. Alla polizia stradale i pattugliamenti in particolare nelle ore notturne e con particolare attenzione per la frazione di Borgo Trevi. Agli agenti di polizia locale i controlli sullo stato contumaciale dei positivi e dei loro contatti stretti. Al gruppo comunale di protezione civile il supporto alla popolazione per le esigenze connesse all’emergenza sanitaria e le attività di sensibilizzazione e informazione alla cittadinanza.

Hanno presenziato all’incontro, oltre al sindaco Bernardino Sperandio, l’assessore alla Protezione civile Sandro Mignozzetti, gli assessori Dalila Stemperini e Paolo Pallucchi, il maresciallo dei carabinieri di Trevi Claudio Di Rocco, il comandante della polizia Municipale Fabio Antonini, il vice questore del commissariato di Polizia di Foligno Bruno Antonini.

Articoli correlati

Commenti