Terni, a Rione Rigoni la Chiesa di Sant’Alò edificata sul tempio di Cibele

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

TERNI – Uno dei gioielli d’arte e di storia ternana e’ senza dubbio la chiesa del Rione Rigoni, ossia Sant’ Alo’ (Alojsius). Sembrerebbe che sia stata edificata sopra il tempio della dea Cibele, come testimoniato dai quattro leoni in pietra incastonati sulla parete della facciata.

Terni, affreschi all’interno della Chiesa di Sant’Alò

Sant’ Alojsio e’ il patrono degli orafi vissuto nel VI secolo, in epoca merovingia. L’edificio in origine era dedicato a San Pietro e aveva un ingresso che a causa della costruzione di un palazzo e’ stato spostato sulla parete laterale,  ad uso a tutt’oggi. La chiesa fu concessa nel 1287 dal vescovo Tommaso ai monaci eremitani di Sant’ Agostino; nel 1300 fu realizzato il convento nelle immediate vicinanze della chiesa. Nella seconda metà del  XV secolo l’edificio passò alle monache francescane; nel 1646 passo in commenda ai Cavalieri dell’ Ordine di Malta. Il Cardinale Rapaccioli nel 1656 soppresse la parrocchia; fu aggregata a quella  di Santa Croce nel 1661. Nel 1959 viene ufficializzata dalle Clarisse, fino a qualche anno fa, quando il vescovo di Terni la concessa alla comunità Ortodossa. Come abbiamo detto, l’attuale ingresso, laterale e’ affiancato da due leoni di epoca romana; molto materiale archeologico e’ incastonato sia sulle pareti esterne che all’interno della chiesa. L’ interno e’ a tre navate,  divise da colonne a blocchi; materiale lapideo d’ epoca romana; abside voltata a botte.

Terni, Chiesa di Sant’Alò: teoria di Santi

Sulla sinistra e sulla destra delle pareti un ciclo di affreschi con varie teorie di Santi, databili dal XII al XV secolo. Affreschi anche sui pilastri e sulle colonne. Sulla parete di sinistra si può scorgere Santa Maria Maddalena, Santa Caterina d’ Alessandria, ecc.. L’ ara pagana decorata con rilievi di ghiande e bucrani  funge da acquasantiera.

Terni, Chiesa di Sant’Alò: acquasantiera dell’Ara pagana

Sulla parete, nel registro superiore tra i frammentari affreschi  si puo’ scorgere un San Silvestro papa; sul lato destro, serie di altri affreschi purtroppo scalpellinati. Nel registro inferiore i Santi Leonardo, Antonio Abate, Sebastiano, Madonna col Bambino, Sant’ Ansano, Giovanni Battista, Francesco d’Assisi, Lucia. Affreschi restaurati e mantenuti in buono stato di conservazione.

Terni, Chiesa di Sant’Alò: affresco di Santa Caterina D’Alessandria

Un vero gioiello di edificio che merita una valorizzazione maggiore. Una sovrapposizione di stili, di epoche e di culti  che non hanno per nulla sminuito il valore intrinseco e storico artistico. Probabilmente, tra qualche tempo,  l’edificio ritornerà ad uso della Curia ternana. Intanto si stanno svolgendo i lavori di recupero e riqualificazione degli stabili un tempo centro conventuale adiacenti alla chiesa.

Articoli correlati

Commenti