Presentata da Donatella Porzi la proposta di legge per la creazione del “Parco archeologico-paesaggistico diffuso dell’Umbria”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIA – Abbiamo anticipato nei mesi scorsi la proposta della consigliera Donatella Porzi (Pd) riguardo la creazione di un “parco archeologico-paesaggistico diffuso”. Oggi l’atto è stato illustrato (https://tinyurl.com/y64t74cq(link is external)) e ora è a disposizione della Commissione per ogni “suggerimento utile al suo miglioramento” ha detto Porzi che ha definito la sua proposta un  “importantissimo strumento per far ripartire l’economia regionale attraverso un turismo che protegga l’ambiente e valorizzi il territorio”.

“L’istituzione del ‘Parco’ – ha detto Porzi – per le sue finalità, può rappresentare un baluardo da preservare, con conseguenze positive per il turismo, l’economia e l’ambiente non solo in una fase post Covid. Il turismo nella fase post emergenza rappresenterà un fenomeno di prossimità, legato alla scoperta degli itinerari nascosti e dei piccoli borghi meno frequentati. Un turismo che può e deve affermarsi come strumento di valorizzazione del nostro territorio ricco di bellezza, storia e cultura, consistente in siti archeologici, piccoli musei, palazzi, vie e piazzette. Tante anche le attività che possono essere svolte mettendo in rete i tanti operatori culturali del territorio regionale”.

Sulla proposta legislativa, attraverso una lettera indirizzata alla Commissione, è intervenuta anche l’assessore Paola Agabiti esprimendo condivisione sulla valorizzazione dei siti archeologici dell’Umbria, sia sotto il profilo culturale e della loro integrazione nel Sistema museale regionale, sia sotto quello della salvaguardia dei valori storici e paesaggistici, ma – ha sottolineato – “l’intervento sulla normativa vigente è da considerarsi in alcuni punti non influente e in altri di difficile applicazione”. Rispetto alla Legge regionale esistente, l’assessore ha tra l’altro precisato che “anche se non richiamati esplicitamente, aree e parchi archeologici sono inclusi nella dicitura omnicomprensiva i ‘i musei, le raccolte e le altre strutture degli enti locali e di interesse locale’”.

L’atto inizierà il suo iter legislativo attraverso l’istruttoria a cui l’Ufficio legislativo di Palazzo Cesaroni darà corso. È stata anche prevista la programmazione di audizioni con i vari soggetti interessati. Verrà invitata in Commissione anche l’assessore Agabiti.

Articoli correlati

Commenti