Trasimeno Prog: 4 chiacchiere a casa di … Vittorio De Scalzi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Domani, 16 dicembre, alle ore 21:30, nuova puntata della rubrica di Trasimeno Prog “4 chiacchiere a casa di”. Per il nono appuntamento sarà ospite Vittorio De Scalzi.

Il musicista, nato a Genova nel 1949, è noto per aver fondato il gruppo musicale rock progressivo New Trolls, attivo dal 1967 al 1997.

Inizialmente assieme a Pino Scarpettini fonda I Trolls con cui incide il 45 giri “Dietro la nebbia” e poco dopo debutta come solista, con lo pseudonimo Napoleone, con il disco “Vietato ai maggiori di pochi anni”, in cui esegue Norwegian Wood dei The Beatles e Take a Heart; quindi fonda i New Trolls, con i quali si concentra sulla scrittura di materiale originale.

Assieme a lui ci sono il chitarrista Nico Di Palo, il batterista Gianni Belleno, il bassista Giorgio D’Adamo ed il tastierista Mauro Chiarugi. Proprio in quell’anno la band fa da supporto nel tour italiano dei Rolling Stones.

E’ attivo inoltre nella ricerca sulla musica tradizionale genovese e dalla collaborazione con il conterraneo Fabrizio De André e del poeta Riccardo Mannerini nasce il primo album dei New Trolls, “Senza orario senza bandiera”.

Successivamente il gruppo inciderà molti album, tra i quali non si può non menzionare almeno “Concerto grosso per i New Trolls”, assieme a Luis Bacalov, tra i primi esempi di fusione tra rock e musica classica.

Dissidi tra i componenti porteranno alla creazione di varie “frange” della formazione, di cui faranno parte di volta in volta membri anche differenti, dal Mito New Trolls, alla Leggenda New Trolls, agli UT New Trolls, solo per citarne alcuni.

La band ha partecipato a diverse edizioni del edizioni del Festival di Sanremo, sette per la precisione; in quella del 1996 si sono esibiti in coppia con il cantautore Umberto Bindi, interpretando il brano, scritto da lui assieme a Renato Zero, “Letti”.

Oltre ad essere autore di buona parte del repertorio del gruppo ha composto anche brani per Mina, Ornella Vanoni ed Anna Oxa.

Importante è stato anche il “Suonatore Jones”, un tour attraverso il quale il musicista ha rivisitato la collaborazione con l’amico De André riproponendo “Senza orario senza bandiera”; venivano inoltre eseguiti brani dei New Trolls ed altri sempre di De André, che nel suo primo tour tra il 1975 ed il 1976 si era avvalso del supporto di una band con alcuni componenti dei New Trolls.

Nel 2001, in qualità di solista, supportato dall’Orchestra Filarmonica di Torino diretta da Maurizio Salvi ha realizzato un primo album dal vivo dal titolo “Concerto grosso”; il disco, costituito da brani di repertorio dei New Trolls è stato distribuito in allegato ad un  quotidiano.

È anche membro fondatore e componente del gruppo Slow Feet Band, con cui ha pubblicato l’album “Elephant Memory”.

Nel 2008 ha inciso un disco realizzato interamente in dialetto genovese, “Mandilli”, pubblicato da Aerostella (l’etichetta di Franz Di Cioccio) distribuito da Edel Music.

Nel 2011 ha pubblicato l’album “Gli occhi del mondo”, realizzato mettendo in musica, con la collaborazione di Marco Ongaro, alcune poesie di Riccardo Mannerini.

Nel 2018 è uscito l’album “L’Attesa”, album composto e suonato quasi integralmente da solo, dove è presente il brano “Pino”, dedicato alla figura di Pino Daniele.

Del 2019 è invece il progetto del gruppo Renanera insieme al musicista intitolato “Vento di terra, vento di mare”, nel quale si affiancano brani in genovese ed in lucano.

Oltre ad inediti anche alcuni successi dei New Trolls riarrangiati in chiave etnica; da “Quella carezza della sera”, “Faccia di Cane” ed “Una miniera” con la collaborazione di Lino Vairetti ed una versione di “Creûza de mä – Na strada miezzo o mare” cantata in genovese e napoletano per ricordare Fabrizio De André.

È stato diverse volte in concerto nella nostra regione e negli ultimi anni è passato per due anni consecutivi, 2017 e 2018, alla Rocca di Castiglione del Lago; ci auguriamo di averlo di nuovo ospite presto.

La chiacchierata con il maestro sarà l’occasione per raccontare i tanti moment salienti della carriera del musicista genovese; per conoscerlo più da vicino e chiedere qualche anticipazione sui progetti futuri.

Diretta Facebook alle 21:30 di mercoledì, dal giorno successivo sul canale YouTube di Trasimeno Prog.

#stayprog

Articoli correlati

Commenti