Gli indirizzi scolastici promossi e bocciati dal Piano regionale 2021-2022

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato a maggioranza con 14 voti favorevoli e 2 contrari il Piano della programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2021-22. Bocciata l’ipotesi di altri licei musicali e sportivi come richiesto dai territori dell’Altotevere e da Orvieto.  Ma ecco, area per area, in cosa consiste il piano nelle approvazioni e bocciature che sono state ratificate.

INDIRIZZI

PERUGIA

agli indirizzi “Costruzioni, Ambiente, Territorio e Turismo” all’Istituto tecnico “Capitini” di Perugia e per gli indirizzi “Architettura e Ambiente”, Arti figurative pittura-scultura”, “Design del libro, della grafica e del restauro”, “Design della moda, del tessuto e del costume” per il liceo artistico “Di Betto” di Perugia. Per il liceo artistico perugino via libera anche, sempre in subordine all’organico eventualmente assegnato dal Ministero dell’Istruzione, ai medesimi indirizzi rivolti alla sezione carceraria.

UMBERTIDE

No all’indirizzo sportivo per il “Da Vinci”.

CITTÀ DI CASTELLO

No al liceo musicale per il liceo “Plinio il giovane”.

GUALDO TADINO

parere favorevole  all’indirizzo “Servizi per la sanità e assistenza sociale” all’ISS “Casimiri”.

SPOLETO

all’indirizzo enogastronomico per l’istituto professionale “De Carolis”; NON favorevole per i “Servizi commerciali”, per i “Servizi per la sanità e assistenza sociale” e per l’indirizzo “Turismo”.

TERNI

all’indirizzo “Trasporti-logistica” per l’ITT “Sangallo”; parere favorevole alla soppressione dell’indirizzo “Servizi culturali e dello spettacolo” nell’IIS “Casagrande” di Cesi. No ai “Servizi culturali e dello spettacolo” all’Ipsia “Pertini”.

ORVIETO

all’indirizzo “Informatica e telecomunicazioni” che riguarda il settore tecnologico per l’IIS scientifico e tecnico di Orvieto Scalo. No invece all’indirizzo musicale per l’IIS “Artistica classica” (liceo classico, artistico e istituto professionale).

FABRO

al percorso di secondo livello per il conferimento del titolo statale di agrotecnico presso l’istituto omnicomprensivo “La Porta”.

 

PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA

Parere favorevole al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica degli istituti comprensivi di VALFABBRICA e MASSA MARTANA sulla base della convenzione triennale con le amministrazioni comunali per il potenziamento delle scuole.

Parere favorevole al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica anche per gli istituti di CERRETO DI SPOLET-SELLANO e CASCIA-MONTELEONE, alla luce degli eventi calamitosi subiti, come previsto dalle linee guida regionali. Parere favorevole anche al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica dell’istituto omnicomprensivo di AMELIA.

Parere contrario per quanto riguarda il Comune di SAN GIUSTINO, per l’incorporazione della scuola per l’infanzia paritaria di Selci Lama all’autonomia scolastica “Bufalini” di San Giustino, perché pervenuta fuori termine e per carenza di documentazione.

Parere contrario anche nei confronti dell’Istituto professionale “De Carolis” di SPOLETO per accorpare gli istituti Itis-Ipsia e formare un unico polo tecnico-professionale al fine di sopperire al trend negativo di significativa riduzione delle iscrizioni: inammissibile per mancanza di requisiti formali ma si dispone di avviare un tavolo di confronto interistituzionale per trovare soluzioni e ridurre il rischio di sottodimensionamento scolastico derivante, oltre che dalla dispersione scolastica, anche dai flussi migratori, dal decremento demografico e dalla denatalità sul territorio.

 

Articoli correlati

Commenti