Spettacolo dal vivo: dieci associazioni danno vita al Patto per le arti performative

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Dieci associazioni rappresentative di tutti i settori dello spettacolo dal vivo hanno sottoscritto il Patto per le Arti Performative. La finaliltà: “collaborare alla realizzazione di una nuova politica culturale del Paese”. Destinatario, in prima istanza, il MiBACT.

Iniziamo dall’elenco delle associazioni firmataria per avere un’idea della mobilitazione.

ANAP (Associazione Nazionale Arti Performative)

APS (Libera Associazione Lavoratori Spettacolo)

CeNDIC (Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea)

Fed.It.Art. (Federazione Italiana Artisti)

Forum Nazionale per l’Educazione Musicale

Indies (La Casa della Musica Indipendente)

Movimento Spettacolo dal Vivo

SIEDAS (Società Italiana Esperti di Diritto delle Arti e dello Spettacolo)

StaGe! (Stati Generali Musica Indipendente ed Emergente)

UTR (Unione Teatri di Roma)

IL MANIFESTO

Sono sette gli obbiettivi contenuti nel manifesto

1) Valorizzazione della creatività artistica e dello Spettacolo dal Vivo come strumento formativo ed educativo

2) Considerazione dell’utilità sociale e culturale dello Spettacolo e delle Arti Performative

3) Necessità di allineare l’investimento culturale dello Stato italiano alla media della spesa europea (pur riconoscendo gli incrementi già adottati dal MIBACT)

4) Definizione delle Imprese Culturali e creazione di uno specifico registro

5) Identificazione e riconoscimento di tutte le categorie dei lavoratori dello spettacolo con un apposito registro di identificazione

6) Ridefinizione dei princìpi e delle relative norme che regolano l’intervento economico delle Istituzioni a favore dello Spettacolo dal Vivo, abbandonando l’attuale FUS, per creare un nuovo Fondo Unico per le Arti Performative in accordo con le Regioni

7) Attuazione di una reale semplificazione amministrativa e un modus agendi unificato e comune per tutti gli enti pubblici (Ministero, Regioni, Comuni) ed enti pubblici economici e non.

Foto di copertina: linea20.blog

Articoli correlati

Commenti