Louvre: meno 72% di visitatori nel 2020 ma 21 milioni di ingressi nel sito

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

La nostra consueta riflessione della domenica parte stavolta dalla Francia. Da Parigi. Dal museo dei musei.

Anno 2018: il Louvre chiude con 10,2 milioni di visitatori. Anno 2019: 9,6 milioni. Anno 2020: 2,7 milioni di ingressi,  il 72% in meno di pubblico rispetto all’anno precedente che tradotto in euro significa una perdita di oltre 90 milioni  a fronte di un ristoro statale di 46. La consolazione sta nell’effetto on line grazie a una politica spinta di diversificazione dell’offerta digitale che nell’arco temporale di un anno ha fatto guadagnare al Louvre 1,02 milioni di follower per toccare quota 9,3 milioni complessivi, e ben 21 milioni di visite sul sito. Che però non hanno portato soldi immediati. Questo è un fronte aperto dalla crisi pandemica sulle cui macerie si sta costruendo una prospettiva potremmo dire globalmente interessante. Anche se la “condivisione” è risultata per certi versi forzata in questa fase e i numeri sono senza dubbio drogati.

Per il ministro Dario Franceschini è comunque la conferma che la sua ipotizzata piattaforma della cultura a pagamento stile Netlix potrebbe essere una via da percorrere se ben progettata e costruita: ovvero senza presumere che si possano togliere risorse a musei, mostre, spettacolo dal vivo, teatro, danza, lirica etc…etc… che anzi vanno incentivate e accresciute. E che i contenuti siano realmente attrattivi, diversificati, ben congeniati, affidati a chi sa progettare e fare.

Resta il fatto che i linguaggi della cultura evolvono. Hanno prerogative e logiche che meritano aperture verso la conoscenza e non chiusure preconcette, sterilmente elitarie. Il digitale è fra questi. E’ virtuale. Deve, sempre più, diventare virtuoso.

Articoli correlati

Commenti