“All’Istituto comprensivo Perugia 3 vengono seguite tutte le procedure previste dai protocolli anti Covid”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIAPrecisazione, anche in relazione ad alcune  notizie recentemente pubblicate, da parte del dirigente scolastico Simonetta Zuccaccia riguardo la situazione socio-sanitaria che riguarda l’Istituto comprensivo “Perugia 3”.

“Vengono seguite tutte le procedure previste dai protocolli anti Covid: ancor prima della lettera dei rappresentanti di ieri e proprio in considerazione dell’evolversi improvviso della situazione – scrive Zuccaccia – ero in stretto contatto il referente Usl Umbria 1, dottor Abbritti e il sindaco di Perugia, Andrea Romizi per individuare la migliore gestione e soluzione della situazione. I contatti sono proseguiti anche oggi e sulla base dei dati è stata presa una decisione che, peraltro, non spetta a me, in quanto dirigente, ma è frutto di un’attenta analisi dei dati da parte delle autorità competenti. Abbiamo attivato, ogni qual volta che si è reso necessario, il protocollo dei tamponi tramite servizio pubblico, come attesta il carteggio con l’Usl; siamo sempre stati in diretta e costante comunicazione con il referente Usl Umbria 1, dottor Abbritti; non c’è mai stato alcun ritardo nelle informazioni ai genitori. Fra l’altro – prosegue Zuccaccia – alla lettera a firma dei rappresentanti di classe pervenuta nella giornata di sabato 23 gennaio, ho risposto alle 23.50 dello stesso giorno, dopo una riunione con il dottor Abbritti e con il sindaco di Perugia, Andrea Romizi. Vorrei sottolineare che la maggior parte dei casi positivi che si sono verificati a scuola, come attestato dalla stessa Usl, proviene da fuori del contesto scolastico e su questo vorrei fare un appello, ancora una volta, a tutti perché si faccia massima attenzione e si rispettino le regole. La scuola, non solo, ha sempre attivato tutti gli strumenti di prevenzione a contrasto del Covid e sanificato gli ambienti quando necessario, ma ha anche messo in condizione i bambini in quarantena di seguire, fin da subito, le lezioni in dad e consegnato, a quelle famiglie che lo richiedevano, i computer. Non abbiamo mai sottovalutato questa pandemia – conclude Zuccaccia – né le misure o l’iter che occorre seguire in questi casi, tuttavia deve esserci da parte di tutti, correttezza e responsabilità nei comportamenti, proprio per evitare che i contagi si propaghino così celermente”.

Articoli correlati

Commenti