“Weather Spoleto 2020”: l’arte dà corpo e voce agli appelli ambientali

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SPOLETO – Dare corpo e voce alle esigenze, alle necessità, alle sofferenze dell’ambiente in cui viviamo. Lo faranno 100 tra organizzatori, programmatori, artisti, musicisti, cantanti da differenti parti del mondo sabato 30 gennaio in diretta streaming su https://weather-swados.net e il canale YouTube Weather.

Si chiama “Weather Spoleto 2020”  è patrocinato dal ministero dell’Ambiente e da PEFC Italia. Si tratta del primo evento in Umbria a ricevere la certificazione di sostenibilità secondo la norma ISO 20121:2013, un risultato ottenuto anche grazie all’apporto di competenze fornito dall’architetto Andrea Sillani, già consulente tecnico-scientifico dell’Ente per la registrazione EMAS e la certificazione ISO 14001 e dell’ingegnere Livia Arcioni, energy manager del Comune di Spoleto.

L’Opera sarà trasmessa in streaming il 30 gennaio 2021 e il percorso di creazione è partito con la video conferenza dello scorso 19 novembre.

È un traguardo che definisce ulteriormente l’azione del Comune di Spoleto, permettendoci di perseguire obiettivi sempre più performanti e significativi dal punto di vista ambientale – ha dichiarato l’assessore Maria Rita ZengoniNonostante l’impegno profuso in questi anni per il mantenimento della certificazione EMAS, che ci ha consentito di ottenere lo scorso anno il premio per la comunicazione, non ci siamo fermati, coinvolgendo altri soggetti come La MaMa Umbria International e l’associazione Bisse e aderendo totalmente al sistema di gestione sostenibile previsto per gli eventi dalla ISO 20121:2013”.

L’opera WEATHER# è stata composta da Elizabeth Swados sui testi di Filippo Consales, con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico attraverso l’arte alla tematica del cambiamento climatico e dell’impatto umano sul mondo naturale.

Come detto, oltre 100 tra organizzatori, programmatori, artisti, musicisti, cantanti da differenti parti del mondo hanno lavorato insieme per realizzare quest’opera, reinterpretata come un’odissea multimediale online, che potesse superare le restrizioni date dalla difficile situazione che stiamo vivendo.

Il pubblico potrà assistere in uno spazio 360° online, composto da 12 ambienti VR (Virtual Reality), come i mesi dell’anno, per ascoltare l’opera, scoprire le storie, così come approfondire i riferimenti scientifici o culturali emersi dalla musica. Sarà un’esperienza profonda e immersiva che racconterà qualcosa di significativo, facendoci riflettere sulla nostra essenza, su “chi siamo”.

La prima di WEATHER# sarà presentata alla presenza dei partners e degli artisti del progetto, il 30 gennaio 2021 alle 3.00 pm (Amsterdam, Rome), 8.00 am (Mexico City), 9.00 am (New York), 2.00 pm (Dublin, London), 11:00 PM (Seoul).

Per entrare nell’ambiente VR connettersi con computer, tablet, smartphone a: https://weather-swados.net (browser raccomandato: Google Chrome).

Per chi non potrà accedere, l’evento sarà trasmesso in streaming sul canale YouTube WEATHER.

Il progetto, voluto fortemente dall’assessorato all’ambiente del Comune di Spoleto, con l’intento di tenere insieme le questioni ambientali con la forza comunicativa dell’arte e della cultura, ha coinvolto enti e associazioni in Italia e all’estero: dal Festival dei Due Mondi all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA), dal Seoul Institute of the Arts al Culture Hub di New York e Seoul, Yorb, La MaMa Umbria International, C.U.R.A. e l’australiana Vrty fino all’associazione Bisse, l’Arpa Umbria, la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, l’Associazione Teriologica Italiana ed i Carabinieri Forestali del Reparto Biodiversità di Assisi.

 

Articoli correlati

Commenti