“Facciamo luce sul teatro”: il 22 febbraio luci accese in platea

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

“Proteggere e liberare le città dai danni provocati da un’epidemia –  intimava Sofocle nel suo immortale Edipo – significa innanzitutto conoscere se stessi, prima che un’intera comunità si ammali di tristezza non riuscendo più a immaginare un futuro”. 

Quando una nota stampa inizia così, a nostro giudizio, la notizia che ci è stata girata dal Teatro degli Instabili di Assisi di Fulvia Angeletti, assume una bellezza e una profondità tale che poterla dare è un privilegio. Se poi l’oggetto-soggetto ci riporta a parlare di teatro, allora scomodiamo anche noi un sostantivo abusato: evento.

Facciamo luce sul teatro

“U.N.I.T.A., Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo, invita tutte le donne e gli  uomini che dirigono i teatri italiani, da quelli più piccoli fino ai grandi teatri nazionali, a illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera del 22 febbraio dalle 19,30 alle 21,30. 

A un anno di distanza dal primo provvedimento governativo che come prima misura di  contrasto al Coronavirus intimava la chiusura immediata dei teatri nelle principali regioni del  Nord, estendendo rapidamente il provvedimento a tutto il territorio nazionale nel giro di  pochi giorni, Unita chiede al nuovo Governo e a tutta la cittadinanza che si torni  immediatamente a parlare di Teatro e di spettacolo dal vivo, che lo si torni a nominare,  che si programmi e si renda pubblico un piano che porti prima possibile ad una  riapertura in sicurezza di questi luoghi.

Unita chiede a tutti gli artisti, a tutte le maestranze e al pubblico delle città di organizzare, ovunque possibile, in tutta Italia – rispettando, come hanno sempre  dimostrato di saper fare, ogni misura di sicurezza – un presidio dei teatri nella serata del  22 febbraio, perché questi luoghi tornino simbolicamente ad essere ciò che da 2500  anni sono sempre stati: piazze aperte sulla città, motori psichici della vita di una  comunità.

Garantendo l’osservanza di tutte le norme, invitiamo tutti i cittadini a testimoniare la  propria vicinanza, con la propria presenza fisica.  Vi aspettiamo davanti ad un teatro della  vostra città o del vostro quartiere per lasciare una traccia scritta di un pensiero su un foglio portato da casa o su un registro che ogni teatro potrà mettere a disposizione.  Torniamo per  una sera a incontrare quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo senza  la quale il teatro semplicemente non è: il pubblico”.  

**************************

Invitiamo chi di questi luoghi di cultura e di spettacolo è titolato a farlo, a comunicare la sua adesione. Ne daremo volentieri notizia affinché chi vuole possa testimoniare la sua vicinanza, presenza, il suo sostegno il 22 febbraio: redazione@vivoumbria.it

   

Articoli correlati

Commenti