Orvieto, borsa di studio “Maria Teresa Santoro” sul rapporto nonni e nipoti

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

ORVIETO – L’Università delle Tre Età di Orvieto lancia un’iniziativa lodevolissima che è arrivata alla settima edizione:  la Borsa di Studio “Maria Teresa Santoro”, in memoria della professoressa che per lungo tempo è stata presidente dell’associazione (foto di copertina).

Il premio è rivolto agli allievi che si diplomeranno, al termine di questo anno scolastico, nelle secondarie di I grado “Scalza” e “Signorelli” di Orvieto e proseguiranno gli studi in una Scuola Superiore del territorio comunale. Varie le tipologie di elaborati ammessi a partecipare: testo, immagine, composizione audio, realizzazione video. Questo il tema proposto: il rapporto fra nonni e nipoti.

Il Consiglio direttivo nominerà i componenti della Commissione di valutazione fra gli associati Unitre con competenze ed esperienze didattico-professionali. Il riconoscimento, consistente in un buono acquisto di libri scolastici.

“Lo scorso anno, nonostante gli imprevisti e gravi disagi dovuti all’inizio della pandemia tuttora in atto, l’Unitre riuscì comunque a riproporre, grazie alla rara abnegazione dei professori componenti la commissione giudicatrice, quello che è oramai divenuto un concorso tradizionale per i ragazzini delle terze medie orvietane”, precisa l’attuale presidente Riccardo Cambri. Nel ricordo di figure cittadine come la professoressa Santoro, per la quale rimane intatto il sentimento di riconoscenza della collettività orvietana, si espande, rinnovato e genuino, il senso di appartenenza e comunità”.

Articoli correlati

Commenti