Vaccinazioni, da domani si cambia: la Regione Umbria si allinea da subito agli ordini del generale Figliuolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIA – Contrordine prenotazioni, contrordine vaccinazioni. Si azzera tutto, o quasi, e si riparte. La Regione Umbria ha anticipato le disposizioni attuative dell’ordinanza del Commissario nazionale per l’Emergenza Covid e lo ha comunicato a tutti gli organi preposti alla vaccinazione. Parole scritte e controfirmate da Massimo D’Angelo, il quale spiega che in Umbria a partire da domani, cosi come stabilito nell’ordinanza nazionale, saranno  abilitati alla prenotazione per la prima dose sul portale regionale solo le alcune categorie. Eccole

  1. Over 80
  2. Estremamente vulnerabili per patologia e per grave disabilità
  3. Familiari conviventi di estremamente vulnerabili per patologia maggiori di 16 anni, (solo le condizioni con asterisco nelle tabelle ministeriali)
  4. Genitori, tutori e affidatari di estremamente vulnerabili per patologia minori di 16 anni
  5. Familiari conviventi e caregiver di estremamente vulnerabili per grave disabilità art. 3 comma 3 legge 104/1992
  6. Persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni, che restano in capo ai medici di medicina generale e, a seguire, quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni
  7. Operatori sanitari e socio-sanitari ancora non vaccinati e tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private.

   “Tutte queste categorie – spiega il commissario D’Angelo –  saranno abilitate alla prenotazione per la prima dose con vaccino Pfizer per gli estremamente vulnerabili indipendente dall’età, così come saranno anche vaccinati con Pfizer i cittadini under 60 (dalla coorte 1961 alle coorti successive) indipendentemente dalla categoria di appartenenza. I soggetti over 60 (dalla corte 1960 alle coorti precedenti) indipendentemente dalla categoria di appartenenza saranno vaccinati con Vaxzevria, precedentemente denominato AstraZeneca”.

D’Angelo ha spiegato che “tutte le altre categorie abilitate precedentemente saranno disabilitate alla prenotazione della prima dose, mentre, sempre per queste categorie, va garantita la seconda dose”.

Tutti coloro che non hanno ancora avviato il ciclo vaccinale con la prima dose  – ha concluso D’Angelo – lo faranno nell’ambito del reclutamento per fasce di età con il resto della popolazione”. 

Pare di capire, pertanto, che chi si era prenotato, ad esempio i soggetti fragili, ma non rientra nelle 7 fasce prioritarie, perde da oggi la prenotazione del primo vaccino in programmato. A questo proposito è auspicabile, anche per chiarire cosa dovranno fare in futuro,  che la Regione provveda ad avvertire tutti e coloro che pensavano di doversi recare a fare il vaccino ma di fatto ne hanno più diritto.

L’ordinanza è stata trasmessa anche alle Forze dell’Ordine, agli Istituti Penitenziari, all’Università, all’Ufficio Scolastico Regionale, alla Protezione Civile che avevano avviato il ciclo vaccinale per i propri operatori e ai quali, nel rispetto dell’ordinanza stessa, si garantisce al momento solo la seconda dose già programmata e non si potranno più programmare prime dosi salvo per i soggetti che rientrano nelle condizioni di estremamente vulnerabili secondo le categorie stabilite a livello nazionale.

Articoli correlati

Commenti