Rientro a scuola tra entusiasmo e disorientamento. Rimane il problema delle “classi pollaio”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

MAGIONE – “C’era una grande necessità da parte degli studenti di rientrare in presenza”: è quanto afferma la dirigente Lorella Monichini, dell’Istituto omnicomprensivo Magione che, tuttavia, evidenzia come “un rientro al 100 per cento della secondaria di secondo grado non sarebbe possibile in molti istituti”.  Parla anche delle “classi pollaio”, un problema irrisolto, anche se “probabilmente per il prossimo settembre sarà confermato l’organico Covid”.

A più di due settimane dal rientro in presenza per gli alunni della primaria e della secondaria di primo grado, al 50 per cento per quelli della secondaria di secondo grado, la situazione è sotto stretto monitoraggio.

“Il ritorno a scuola, a livello emotivo e di impatto, è stato molto più semplice per gli studenti di primaria e secondaria primo grado, un po’ più complesso per il resto della popolazione studentesca che ha risentito di più del passaggio dalla dad alla modalità in presenza. Era più disorientato. Ma i giovani hanno una grande capacità di adattamento e tutto è poi rientrato nella normalità”.

In questi giorni – fa sapere la dirigente – gli alunni delle terze del I grado e i ragazzi dell’ultimo anno stanno affrontando le prove Invalsi che pur non essendo vincolanti ai fini dell’ammissione all’esame di Stato assumono oggi il valore di un valido strumento per la valutazione complessiva del sistema scolastico. Soprattutto dopo questo lungo periodo di didattica a distanza.

Quanto alle classi numerose – che non riguarda l’Istituto omnicomprensivo, dotato di aule sufficienti e spaziose in relazione alla popolazione studentesca – “ci attende una conferma degli organici, così come avvenuto per questo anno. Ciò vuole dire che se nel 2020/2021 c’è stata l’eccezionalità dell’organico Covid, tuttavia, la regolarità mostra che il numero dei docenti con cui sarà definito il numero delle classi rimane invariato. Ci sarà un organico Covid, ma a oggi non sono state toccate le classi pollaio”.

Naighi

Articoli correlati

Commenti