Gubbio, prorogate le mostre di Claudio Borghi e Elio Mariucci

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

GUBBIO –  Giovedì 6 maggio riapriranno a Palazzo Ducale di Gubbio le mostre, curate da Lorenzo Fiorucci, “Claudio Borghi, un attuale immaginario silente” e “Elio Mariucci, materia immaginale”. Le due esposizioni sono state prorogate al 20 giugno dalla direttrice Paola Mercurelli Salari.

 

La prima, allestita nelle segrete del palazzo, è una personale dello scultore lombardo Claudio Borghi, da sempre impegnato in una ricerca che fa della lavorazione di lamiere metalliche, la materia di adozione. Lamine saldate e piegate, slanciate verticalmente, che occhieggiano alla lezione di Giacometti nel diverso intento di restituire un elemento architettonico, un micromondo urbano attraverso cui emerge la dimensione di vuoto silente.

Residuo attivo, opera di Elio Mariucci a Palazzo Ducale di Gubbio

La seconda, sistemata nel piano nobile, è un’antologica di Elio Mariucci, pittore tifernate allievo di Piero Dorazio. Una vera e propria esplosione di colori che ricostruisce il percorso dell’artista prendendo in oggetto la produzione astratta, dall’esperienza del gruppo 13X3 di fine anni Settanta fino ai Residui attivi, ultimi lavori realizzati da Mariucci con l’apporto moglie Emanuela. Il percorso si snoda tra grandi tele astratte in cui luce, geometria e colore si intersecano fino all’ultima fase in cui materiali di scarto trovano una nuova energia. Particolarmente apprezzato in Germania, Mariucci ha reinventato l’idea di mobile.

Foto di copertina: opera di Claudio Borghi @Zoebartography

Articoli correlati

Commenti