Alla Galleria Fiaf le rime della Divina Commedia in fotografia

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIA –  La Galleria Fiaf di Perugia ha organizzato nei giorni scorsi una serata online dal titolo “Le figure retoriche, un linguaggio universale” dedicata al contest fotografico “Selve oscure. Le rime della Divina Commedia in fotografia”. Sono intervenuti: Silvano Bicocchi, direttore Dipartimento Cultura Fiaf, Guglielmo Tini del Liceo Classico F. Frezzi di Foligno e Stefano Ragni dell’Università per Stranieri di Perugia. Ha introdotto Marco Nicolini.

I tre viaggi nei luoghi danteschi, ove emerge lo smarrimento spirituale, la redenzione dell’umanità: luoghi e volti, tempo e spazio; spazio metafisico e simbolico; un cammino spirituale dall’oscurità alla luce.

SI è trattato di una serata di riflessione sul concept per trarre spunti nella più ampia libertà espressiva, tutto attraverso le figure retoriche: allegoria, metafora, metonimia, similitudine, sinestesia. Le riflessioni di Silvano Bicocchi, direttore del Dipartimento Cultura della Fiaf si sono incrociate agli interventi sulla Divina Commedia di Guglielmo Tini, docente presso il Liceo Classico F. Frezzi di Foligno e con armoniosi brani musicali danteschi dal pianoforte del Maestro Stefano Ragni, docente presso l’Università per Stranieri di Perugia.

 

 

Articoli correlati

Commenti