Si prepara a partire il Treno di Dante: giorni e itinerari per un viaggio slow molto particolare

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

Ora che si può tornare a viaggiare, VivoUmbria si riappropria della sua rubrica Dentro lo Stivale per proporre itinerari, mostre, festival, concerti, iniziative, buone idee che prendono forma in Italia, magari proprio vicino ai nostri confini.

Oggi ripartiamo…in treno. Salendo, addirittura, su quello che avrebbe potuto prendere idealmente Dante Alighieri. Il primo viaggio “sperimentale” del convoglio è in programma proprio oggi, domenica 6 giugno, con partenza alle ore 14.30 dalla stazione di Firenze. A bordo il maestro Riccardo Muti che farà sosta a Marradi dove dirigerà l’Orchestra ‘Luigi Cherubini’ in occasione della riapertura dello storico teatro accademico degli Animosi. Il treno accoglierà poi tutti gli orchestrali per proseguire verso Ravenna, con arrivo in serata (ore 20).

L’inaugurazione vera e propria, aperta a tutti quelli che vorranno salire, è invece prevista per  il 26 giugno. Si tratta di un convoglio storico messo a disposizione dalla Fondazione Fs italiane che collega Firenze e Ravenna con un itinerario slow. Tra fascino, cultura e bellezze naturalistiche, in un itinerario che tocca i luoghi dell’appennino, tra Toscana e Romagna, che hanno ispirato la produzione letteraria di Dante.

L’itinerario parte da Firenze e arriva a Ravenna con quattro fermate intermedie sia all’andata che al ritorno: Borgo San Lorenzo e Marradi in territorio toscano, Brisighella e Faenza in territorio romagnolo.

I GIORNI

Il servizio verrà effettuato tutti i sabati e le domeniche dal 3 luglio al 10 ottobre, ad esclusione del 7 e 8 agosto a causa di lavori di manutenzione alla linea. La partenza delle corse è prevista intorno alle ore 9 dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella con arrivo alla stazione centrale di Ravenna nella tarda mattinata e rientro nel capoluogo fiorentino alle 18 circa. Nel tragitto – di andata e ritorno – sono previste quattro fermate: Borgo San Lorenzo e Marradi (in territorio toscano), Brisighella e Faenza (in territorio romagnolo) durante le quali i viaggiatori potranno scendere per visitare i borghi, i castelli e le colline che fanno parte del parco letterario ‘Le terre di Dante’.

Il convoglio è un mezzo storico con finalità turistiche, composto da 3 vetture ‘centoporte’, da un vagone bagagliaio attrezzato per il trasporto delle biciclette e da un locomotore storico D445. Conta 234 posti complessivi ma, in linea con le disposizioni di contenimento da rischio Covid-19, viaggerà a capienza ridotta al 50%.    

L’ITINERARIO

Da Firenze dove Dante Alighieri è nato nel 1265, si prosegue verso Vaglia, il primo comune del Mugello per poi raggiungere la prima fermata di Borgo San Lorenzo. Il treno poi prosegue verso Ronta e ancora Scarperia e San Piero a Sieve – due paesi uniti da sempre e dominati dalla famiglia de Medici – per continuare sulle colline di Vicchioche ha dato i natali a Giotto e Beato Angelico. Oltrepassato Crespino del Lamone – borgo noto per la qualità dell’acqua e le fontane – il treno prosegue e sosta a Marradi (Fi), la cittadina appenninica dove nacque il poeta Dino Campana, per poi fare tappa a Brisighella, considerato tra i borghi più belli d’Italia.  La fermata successiva è Faenza e infine Ravenna, la città romagnola dei mosaici in cui il Sommo poeta completò la composizione del ciclo della Commedia e trascorse, in tranquillità e ispirazione, gli ultimi anni della sua vita fino alla morte nel 1321.

 

Articoli correlati

Commenti