Alla Casa delle donne il libro “Smettetela di farci la festa” di Stefania Anarkikka Spanò

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

TERNI – Giovedì 10 giugno alle 18 La Casa delle Donne organizza la presentazione del libro “Smettetela di farci la festa – Di discriminazioni in genere” dell’autrice Stefania “Anarkikka” Spanò, edito da People.

Smettetela di farci la festa racconta di donne per parlare della società e della cultura in cui si cresce, dentro a ruoli stereotipati funzionali a quel sistema di potere alla base delle relazioni umane che alimenta discriminazioni, disparità e violenza. Il volume approfondisce il tema della violenza e del linguaggio che si fa complice quando veicola e rafforza una narrazione sbagliata della sopraffazione. Per cui gelosia è attenzione, possesso è amore, delitto è raptus, inteso come risposta “passionale” alla disperazione, al tormento. Un linguaggio assolutorio, che nell’assolvere il criminale minimizza il crimine, nel relegare alla follia individuale deresponsabilizza una comunità che non fa i conti con la propria identità e i propri valori, con il proprio sistema di significati. Assolve l’uomo e getta ombre sulla donna, sulla vittima, che diventa l’istigatrice del gesto folle, la responsabile, quella che “se l’è (sempre) cercata”. Quella che, ancora una volta, ha “la colpa” del suo stesso esistere.

 

«La violenza contro le donne non ha confini: si esprime in varie forme e a tutte le latitudini grazie a leggi, consuetudini, norme religiose, regole non scritte, pregiudizi palesemente sessisti, discriminatori, oppressivi. Milioni sono le donne aggredite, picchiate, sfregiate, mutilate e perseguitate a cui viene limitata la libertà, viene negato il diritto a esistere ed essere.»

 

Stefania Spanò, in arte Anarkikka, è autrice, vignettista, illustratrice, femminista. Fotografa con ironia il disagio, ponendo l’accento in particolare sulle problematiche femminili, e realizza progetti illustrati che raccontano di diritti negati e sofferenze umane. Giovedì parlerà anche del suo recente impegno nella campagna #laPASnonesiste a supporto di Laura Massaro a cui il Tribunale dei Minori di Roma lo scorso 4 giugno ha deciso di togliere il figlio in quanto accusata di Pas o “sindrome della madre malevola”.

 

L’evento sarà trasmesso online dalla pagina Facebook della Casa delle Donne di Terni. Dialogheranno con l’autrice Paola Gigante, Claudia Monti e l’Avv. Simona Schiavoni dell’Associazione Terni Donne.

Articoli correlati

Commenti