“Correspondence”, nuovo album di Petrella e Mirra tra musica e tecnologia

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

UMBRIA – Gianluca Petrella e Pasquale Mirra, due tra i più creativi e apprezzati musicisti della scena musicale italiana ed internazionale, pubblicheranno il frutto della loro collaborazione ‘Correspondence’ l’11 giugno per la Tǔk Air, sezione della Tǔk Music inaugurata a gennaio di quest’anno col disco di Nanni Gaias e dedicata ai suoni elettronici, soul e funk, su cd slim, digitale e vinile silver 140gr. ognuno con specifica tracklist.

Petrella e  Mirra svolgeranno l’evento di presentazione a Umbria Jazz il 13 luglio prossimo.

Il disco è in preordine dal 30 aprile su bandcamp e lo sarà sui principali store digitali.

Il progetto nasce poco più di tre anni fa in versione prevalentemente acustica, trombone e vibrafono con qualche incursione nell’elettronica, ma ben presto la voglia di sperimentare e di spostare la linea di confine sempre più avanti ha spinto i due ad ampliare l’orizzonte con l’utilizzo dell’elettronica e l’aggiunta di alcuni strumenti, come synth, rhodes, balaphone e midi vibes.

Nel disco convergono le numerose influenze e collaborazioni di Petrella e Mirra (da Cosmic Renaissance, a quelle con Nicola Conte e Dj Gruff a C’Mon Tigre e Mop Mop solo per citare le principali) ed i brani, tutti composti arrangiati e prodotti dai due, sono un caleidoscopio variegato di suoni ethno, afrobeat, ethio-jazz, spiritual jazz, elettronica, un susseguirsi sempre mutante dove la ricerca ritmica e l’attenzione al suono giocano un ruolo fondamentale.

Due musicisti in totale sintonia che spinti da una curiosità inesauribile esplorano le innumerevoli possibilità della musica e della tecnologia.

Per la realizzazione dell’album Petrella e Mirra hanno chiamato alcuni ospiti, Giulietta Passera alla voce e autrice del testo di Night Shift a cui dona toni wave, Kalifa Kone al talking drums e n’goni e calabash, Blake Franchetto al basso elettrico, Danilo Mineo alle congas, bongos, krakabs ed effetti, Simone Padovani alle percussioni e Primo Zanasi al drum beat, tutti musicisti con i quali c’è un percorso comune e che sono stati scelti perché perfettamente funzionali all’architettura musicale di Correspondence.

Per Petrella si tratta della quarta uscita discografica su Tǔk Music dopo i dischi di Brass Bang (con Fresu, Bernstein e Rojas), Magister Giotto di Fresu e del recentissimo omaggio a David Bowie Heroes, contenuto nel cofanetto P6OLO FR3SU uscito per i 60 anni del trombettista, mentre per Mirra è l’esordio con l’etichetta.

La copertina è opera del grafico e illustratore Oscar Diodoro che ha raccolto il testimone di Benno Simma entrando a tempo pieno nello staff dell’etichetta come designer.
Oscar è anche autore delle opere in copertina della Tuk Air, basate su una serialità industriale che si mescola ai neon tipici della pop art.

Articoli correlati

Commenti