Bel concerto del trio del pianista Emmet Cohen

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
PERUGIA – Penultimo appuntamento dei diciotto previsti per la residency alla Sala Raffaello dell’hotel Sina Brufani con il trio del pianista Emmet Cohen.
Il musicista americano s’è anche esibito all’Arena di Santa Giuliana accompagnando la bravissima cantante Samara Joy nella serata inaugurale ed a sorpresa è salito sul palco per il bis del quartetto di Branford Marsalis qualche sera dopo.
Nei mesi scorsi era stato ospite per il concerto d’apertura della stagione invernale del Jazz Club e la sua performance era stata notevole.
Durante i vari concerti si sono inoltre alternati ospiti tra cui il sassofonista Piero Odorici e la stessa Samara Joy.
Anche in questa domenica finora dal tempo variabile il trio, composto anche da Philip Norris al contrabbasso e dal bravissimo, e già presente nel concerto dello scorso ottobre Kyle Poole alla batteria, ha impressionato dimostrando, se possibile, ancora maggiore coesione.
Si percepisce benissimo il grande  interplay tra i musicisti che sicuramente si divertono nel proporre sia un repertorio originale che standards di Thelonious Monk.
Nel finale il bis eseguito è stata la traccia  d’aperura “Symphonic raps” presente nell’ultimo album “Future stride”
I circa 65 minuti sono scorsi via davvero piacevolmente; unico piccolo rammarico la mancata partecipazione di ospiti nonostante ne avesse fatto espressa menzione la presentatrice del concerto.

Articoli correlati

Commenti