A San Giustino fisarmonica e bandoneon per “La grande notte dei mantici” con Federico Gili e Daniele Di Bonaventura

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SAN GIUSTINO – Villa Graziani sarà teatro mercoledì 18 agosto alle 21 di una serata interamente dedicata a due strumenti dal suono magico e suggestivo. Approda alla sesta edizione del festival Experimenta “La grande notte dei mantici”  con due grandi solisti sul palco per un unico grande evento. Federico Gili con la sua fisarmonica e di seguito Daniele Di Bonaventura con il bandoneon, saranno i protagonisti di questo concerto realizzato sotto la direzione artistica di Marco Sarti e in collaborazione con il Comune di San Giustino. Un doppio appuntamento quindi che offrirà l’occasione di ascoltare nella dimensione solistica le sonorità affascinanti ed intense di questi due aerofoni. Gili, diplomato in fisarmonica classica, ma da sempre appassionato di jazz, è membro della prestigiosa orchestra di fisarmoniche Fuccelli Fisarmony diretta dal M° Roberto Fuccelli con la quale ha inciso tre dischi (“Libertango” – 2007, “Meraviglioso” – 2010, “Live Session” – 2017). Daniele Di Bonaventura è in assoluto fra i virtuosi più apprezzati del bandoneon, ha coltivato sin dall’inizio della sua attività un forte interesse per la musica improvvisata pur avendo una formazione musicale di estrazione classica (diploma in Composizione) iniziata a soli 8 anni con lo studio del pianoforte, del violoncello, della composizione e della direzione d’orchestra. Le sue collaborazioni spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro del cinema e della danza. Ha suonato nei principali festival italiani ed internazionali e si è esibito suonando nei più grandi templi della musica dalla Town Hall di New York alla Sala Pleyel di Parigi. Ha registrato e collaborato con musicisti del calibro di Enrico Rava, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Toots Tielemans, Guinga e Javier Girotto, solo per citarne alcuni. Ha pubblicato più di 90 dischi con le più prestigiose etichette discografiche; fra le sue collaborazioni va citata quella con Miroslav Vitous per “Universal Syncopation II”, vincitore del German Critics Prize  come album dell’anno 2007. Per la Tuk Music di Fresu ha pubblicato nel 2013 il suo primo doppio album intitolato “Nadir” in cui suona nel primo cd il bandoneon e nel secondo il pianoforte in trio. Nel marzo 2015 ha pubblicato con Fresu sempre per la ECM “In Maggiore” ed è uscito in contemporanea il film-documentario “Figure musicali in fuga” del regista Fabrizio Ferraro in cui vengono ritratti i due musicisti durante la sessione di registrazione a Lugano insieme a Manfred Eicher.

Articoli correlati

Commenti