Il cello dei celli al Festival delle Nazioni: c’è Giovanni Sollima

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

CITTA’ DI CASTELLO – Giovanni Sollima, in assolo, sarà il protagonista del prossimo concerto del 54° Festival delle Nazioni, in programma domenica 5 settembre 2021 alle ore 21 nella Chiesa di San Domenico di Città di Castello. Il violoncellista di fama internazionale e compositore italiano tra i più eseguiti nel mondo interpreterà un programma musicale di grandissimo interesse che comprende il Tema e variazioni in re minore per violoncello di Jean Sibelius, una composizione molto spesso paragonata al Capriccio in la minore di Paganini, riscoperto solamente in epoca moderna e ancora mai eseguito in Italia; Sollima eseguirà poi la Suite in do minore BWV 1011 di Johann Sebastian Bach; e i Tre pezzi per clarinetto (suonati sul violoncello) di Igor Stravinskij – in omaggio al russo nel cinquantesimo anniversario della morte. E ancora, proporrà la sua originale versione per violoncello solo di Norvegian Wood dei Beatles – l’omaggio, in questo caso, è alla Nazione ospite del Festival, la Norvegia – e infine due brani di sua composizione: Concerto rotondo e Natural Songbook. Per chi non potesse vivere in presenza l’evento, il concerto sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook del Festival delle Nazioni.


Violoncellista di fama internazionale, Giovanni Sollima è il compositore italiano più eseguito nel mondo. Collabora con artisti del calibro di Riccardo Muti, Yo-Yo Ma, Ivan Fischer, Viktoria Mullova, Ruggero Raimondi, Mario Brunello, Katia e Marielle Labeque, Giovanni Antonini, Ottavio Dantone, Patti Smith, Stefano Bollani, Paolo Fresu e con orchestre tra cui Chicago Symphony Orchestra, Liverpool Philharmonic, Royal Concertgebouw Orchestra. Per il cinema, il teatro, la televisione e la danza ha scritto e interpretato musica per Peter Greenaway, John Turturro, Bob Wilson, Carlos Saura, Marco Tullio Giordana, Alessandro Baricco, Peter Stein. Si è esibito in alcune delle più importanti sale in tutto il mondo, tra cui la Carnegie Hall (New York), la Wigmore Hall, la Queen Elizabeth Hall (Londra), la Salle Gaveau (Parigi), il Teatro alla Scala (Milano), l’Opera House (Sidney), la Suntory Hall (Tokyo). Dal 2010 insegna all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dove è stato insignito del titolo di Accademico. Nel 2012 ha fondato, insieme a Enrico Melozzi, i 100 Cellos. Nel 2015 ha creato a Milano il ‘logo sonoro’ di Expo e inaugurato il nuovo spazio museale della Pietà Rondanini di Michelangelo. Nel campo della composizione esplora generi diversi avvalendosi di strumenti antichi, orientali, elettrici e di sua invenzione, suonando nel Deserto del Sahara, sott’acqua, o con un violoncello di ghiaccio. Nel corso del 2020, a causa della pandemia mondiale di Covid-19, le attività concertistiche di Sollima hanno subito, per noti motivi, un forte rallentamento. Nei mesi estivi e autunnali ha comunque avuto modo di apparire per Festival rinomati quali il Classiche Forme di Lecce, il MiTo Settembre Musica di Milano e Torino, il Mittelfest di Cividale del Friuli e per l’Associazione Scarlatti di Napoli. Nel corso dell’ultimo anno ha inoltre avuto modo di intensificare la sua attività nel campo della composizione, avendo ricevuto diverse commissioni, tra cui ad esempio Il libro della giungla, presentato per la prima volta a Kiel nel 2020. La sua discografia si è aperta nel 1998 con un cd commissionato da Philip Glass per la propria etichetta Point Music, al quale sono seguiti numerosi album per Sony, Egea e Decca. Sollima ha riportato alla luce un violoncellista/compositore del Settecento, Giovanni Battista Costanzi, di cui ha inciso le Sonate e Sinfonie per violoncello e basso continuo per l’etichetta Glossa. Nell’ottobre 2018, alla Cello Biennale di Amsterdam, ha ricevuto l’Anner Bijlsma Award. Ha registrato le sei Suite Bach, simbolo di un ritorno all’essenza della musica. Questa registrazione verrà distribuita a partire dal settembre 2021. Giovanni Sollima suona un violoncello Francesco Ruggeri (Cremona, 1679).

I biglietti per il concerto (intero € 20, ridotto € 15) sono in vendita nella biglietteria di Città di Castello aperta dalle 11 alle 3 e dalle 16 alle 18. Per ulteriori informazioni, 075 8521142, ticket@festivalnazioni.comwww.festivalnazioni.com.

Articoli correlati

Commenti