Costanza Laliscia in azzurro al Campionato europeo di Endurance 2021

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIA – Costanza Laliscia, la 21enne amazzone del Fuxiateam di Italia Endurance Stables & Academy, sarà fra i  più attesi  protagonisti del FEI Endurance European Championship 2021. Al prestigioso e ambito Campionato europeo in programma il prossimo 11 settembre a Ermelo, 75 chilometri a est di Amsterdam, l’atleta più titolata dell’endurance tricolore prenderà il via da campionessa uscente, pronta a difendere la medaglia d’oro conquistata il 17 agosto 2019 a Euston Park, in Inghilterra, in sella a Sacha El Kandhaar.

 

Alla sua settima convocazione in Nazionale per Campionati europei o mondiali (al massimo una ogni anno), la giovane perugina sarà in sella ad Assim du Barthas, arabo grigio del 2010; un sogno azzurro che per Costanza si rinnova all’insegna di grandi motivazioni e orgoglio più che legittimo: “La medaglia d’oro conquistata due anni fa sì che questa sia una gara speciale, ma il fatto di avere tutti gli occhi addosso non mi fa perdere di vista quello che è l’obiettivo più importante: completare i 160 chilometri assieme ad Assim du Barthas, compiendo insieme a lui un ulteriore passo in avanti nel nostro cammino di crescita. I lunghi mesi di preparazione hanno confermato ulteriormente la fiducia che ripongo nel mio cavallo, condivisa con il mio staff e con i tecnici della Federazione italiana sport equestri anche in occasione dello stage che abbiamo svolto agli inizi di agosto”.

 

A dare forza all’amazzone del Fuxiateam, a dispetto della sua giovane età, sarà anche una lunga esperienza a livello internazionale testimoniata, oltre che dal titolo europeo assoluto 2019, dalla vittoria del FEI Young Riders World Endurance Ranking nel 2016 e nel 2019, da sette Campionati italiani e dall’invidiabile record di essere l’atleta più vittoriosa dell’endurance tricolore.

 

A Ermelo (Paesi Bassi), sabato 11 settembre, Costanza Laliscia e Assim du Barthas rappresenteranno l’Italia insieme ad altri quattro binomi individuati dallo chef d’équipe Nando Torre al termine di un lungo e scrupoloso lavoro di selezione: Martina Gaiani-Badmington d’Oc, Lorenzo Piccolo-Saroul de L’Aigoual, Aurora Salvati-Nevosu e Daniele Serioli-Jarnak dell’Orsetta; riserva Matteo Tamborini-Eivissa Bosana.

Articoli correlati

Commenti