Al Perso Film Festival un ospite davvero speciale: Alice Rohrwacher

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

PERUGIAGran finale per il festival del doc. Domani, domenica, l’ospite speciale è Alice Rohrwacher per la proiezione di Quattro strade, cortometraggio filmato in 16mm nella campagna umbra durante il lockdown.

L’appuntamento è alle ore 18, al PostModernissimo, a Perugia, dove andrà in scena la cerimonia ufficiale di premiazione, condotta da Caterina Fiocchetti, Jacopo Costantini e Giulia Zeetti e saranno proclamati i vincitori di tutte le categorie di concorso.

Alle ore 19 sarà possibile vedere al PostModernissimo il film vincitore dell’Award. Il Festival chiude con l’omaggio a Valentina Pedicini, grande documentarista italiana scomparsa nel novembre scorso.

Dal 5 ottobre è stato possibile vedere (ad ingresso gratuito) a Perugia alcuni tra i migliori documentari del panorama internazionale con ben 40 proiezioni nei tre cinema del centro storico. Domenica mattina la giuria del PerSo 2021 si riunirà per decretare il film vincitore di questa edizione.

Sette i titoli in gara per l’Award, visti in anteprima a Perugia, che si sommano ai cortometraggi internazionali e ai film del PerSo Cinema Italiano e ai tanti altri lavori in concorso e fuori concorso che hanno costituito il palinsesto di un’edizione che, limitazioni a parte, ha registrato sale piene e in sicurezza e che ha raccolto apprezzamenti dall’Umbria Film Commission, che si è detta pronta a collaborare all’edizione 2022.

Sempre domani sarà assegnato anche il premio Umbria in Celluloide ad uno dei 7 titoli in gara. Il film vincitore del PerSo Award sarà proiettato alle ore 19 al PostModernissimo.

Ma domenica è anche il giorno di due eventi speciali.

Come detto, ospite speciale sarà, Alice Rohrwacher. Più in particolare alle 17.30 sarà  presente in sala, per la proiezione di Quattro strade, cortometraggio filmato in 16mm nella campagna umbra durante il lockdown, sguardo poetico sulle conseguenze sociali della pandemia nella piccola località di Quattro strade.

Alice Rohrwacher

La diffusione della pandemia ci ha costretti a rimanere in casa e ha impedito gli incontri fisici. In questo “esilio” dalla vicinanza, questo breve corto parla di altre forme di contatto tra vicini attraverso una vecchia cinepresa in 16 mm, una lente zoom e qualche metro di pellicola scaduta. Come spiega la regista: “Quattro strade è un diario impressionista, un mini studio, realizzato esattamente un anno fa, durante il primo lockdown. Non era programmato e non è iniziato con lo specifico desiderio di fare un film, ma piuttosto con la voglia di recuperare alcune pellicole scadute che avevo in casa e provare ad usare una vecchia macchina fotografica, una 16mm, per avvicinarmi ai miei vicini, laddove il mio corpo fisico non poteva arrivare”.

Il film di chiusura di questa edizione è Faith, omaggio a Valentina Pedicini, grande documentarista italiana scomparsa nel novembre scorso. Faith è un viaggio poetico ed emotivo in un mondo sconosciuto, un film per indagare le motivazioni profonde di una scelta radicale, le ragioni della devozione.

Il Festival è organizzato dall’Associazione RealMente, in collaborazione con la Fondazione La Città del Sole Onlus. Direzione artistica di Luca Ferretti e Giovanni Piperno. www.persofilmfestival.it

 

Articoli correlati

Commenti