Tre giorni di teatro, danza e fotografia per ripartire insieme a “LiberArti Corsie Festival”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
locandina LiberArti Corsie Festival2021

PERUGIA – Arte quale elemento curativo per reagire e riprendere in mano la propria indipendenza, il proprio spazio. Con questo scopo riparte all’ex Ospedale FateBeneFratelli di Perugia, a un anno esatto dall’interruzione dell’edizione 2020, dovuta alle norme governative inerenti il contenimento della pandemia da Covid 19, LiberArti Corsie Festival 2021. La kermesse, che prenderà il via dal 15 al 17 ottobre, porterà alla luce performance, studi e spettacoli in anteprima nazionale degli artisti che, in questo lungo periodo, hanno comunque continuato a lavorare nei locali del centro di creazione contemporanea di piazza San Giovanni di Dio, sostenuti dalla Residenza Artistica di Micro Teatro Terra Marique nell’ambito del progetto CURA – Centro Umbro Residenze Artistiche.

In scena, diversi linguaggi performativi tra teatro, danza e arte fotografica che vedranno protagonisti molti artisti umbri, spesso non residenti in regione, nonché la finale del bando nazionale “Call from the aisle”.

Call from the aisle finale

Si inizia venerdì 15 ottobre alle ore 20.00 con la finale della Call from the aisle. La giuria composta da esperti del settore e spettatori selezionati assisterà a “Charta” di e con Bernardo Casertano, “How to” di e con Emanuele Rosa e Maria Focaraccio, “Saturno II” di Marika di Remigio (con Gaia Figini e Enrico Luly), “Il pezzo di onde” di Stefano Baffetti (con Ulrich Armel Makon Ma Houga e Stefano Baffetti).

Sabato 16 ottobre ad aprire la giornata alle ore 10.30 sarà Nessuna giornata storica, tavola rotonda sul futuro dello spettacolo dal vivo in un contesto nazionale di false ripartenze e promesse mancate, cui parteciperanno diverse realtà culturali operanti nel territorio.

Alle 17.00 sarà la volta di Time Machine, dal progetto di comunità di Corsia Of sostenuto da C.U.R.A., un itinerario immersivo, interattivo, sensoriale attraverso il passato e il presente, verso il futuro da un’idea della Compagnia Degli Gnomi. Drammaturgia Chiara Meloni, sculture di Daniele Covarino, installazione di Letizia Guastaveglie e Lucia Penza, con la partecipazione di allievi dei laboratori di Corsia Of, con la partecipazione straordinaria di Luisa Piro, Layal El Sharqia, in collaborazione con Magnifico Rione di Porta Eburnea.

Alle ore 19.00 opening di Di te… Un ritratto di famiglia per ricordare del fotografo Giancarlo Pastonchi e della creative director Emanuela Filippelli, con il supporto tecnico di Donne Insieme – dalla tua parte e con il sostegno di C.U.R.A., Micro Teatro Terra Marique, Corsia Of.

Alle ore21.00 si chiude con l’anteprima nazionale di ()pera didascalica di A. Paschitto (anche alla regia), con Raimonda Maraviglia, Alessandro Paschitto, Francesco Roccasecca, vincitore del Premio Leo De Berardinis 2021, vincitore del bando Call from the aisle 2020, menzione speciale alla Borsa Teatrale Anna Pancirolli 2020, una produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, organizzazione e distribuzione Theatron 2.0 con il sostegno di C.U.R.A., ringraziamenti a Mario Autore, Giulia Sangiorgio, Eliana Rotella, Chiara Cucca, l’Asilo – Ex Asilo Filangieri

Domenica 17 ottobre dalle ore 16.30 alle 17.30 spazio a Time Machine e alle ore 19.30 a Di te… Un ritratto di famiglia per ricordare di G. Pastonchi ed E. Filippelli.

A chiudere il sipario sul Festival alle ore 21.00 sarà un tris di spettacoli: Testa di lepre (di e con Francesco Gabrielli, voce registrata Enrico Casale, sound designer Guido Affini, recording voices Fabio Clemente, foto di scena Francesco Tassara, con il sostegno di Balletto Civile), Quello che resta ancora da cercare (testo di Matteo Fiorucci, interpretazione Daniele Aureli), Walden (da un’idea di Daria Menichetti, frammento con Francesco Manenti e Daria Menichetti, creazione di Silvia Mai, Francesco Manenti, Daria Menichetti e tre cani Eco, Gringo e Liz Londra, musiche Stefano Ciardi, collaborazione alla drammaturgia Carolina Balucani, produzione DanceMe – Perypezye Urbane, con il sostegno di Home Centro Creazione Coreografica 2019, CURA , Corsia Of e Round Trip, sostenuto da MiBACT-Boarding Pass Plus).

  • informazioni, quota di ingresso e prenotazione obbligatoria  347 0798353

La quarta edizione di “Corsie Festival” è realizzata e prodotta da Micro Teatro Terra Marique, in collaborazione con Corsia OF, Art Niveau, Compagnia degli Gnomi, Occhisulmondo

Articoli correlati

Commenti