Un libro per ricordare Augusto Ciuffelli, politico di spicco tra fine Ottocento e inizio Novecento

Condividi su facebook
Condividi su twitter

TERNI – Il presidente della Provincia ha ricevuto gli autori del libro su Augusto Ciuffelli, esponente politico umbro tra la fine dell’Ottocento e primi anni del Novecento, per riscoprire la figura del politico nato a Massa Martana e che nella sua carriera ha ricoperto, fra gli altri, incarichi di ministro e capo di gabinetto del primo ministro Zanardelli. A scrivere il libro sono stati i giornalisti Pier Francesco Quaglietti e Umberto Maiorca.

“Augusto Ciuffelli, un umbro al servizio dello Stato”, è il titolo del testo che ripercorre la vita e la carriera politica di colui che fu per 17 anni deputato per l’Umbria, sottosegretario, ministro dei lavori pubblici, dell’industria e del commercio, presidente di sezione del Consiglio di Stato e governatore di Trieste dopo Vittorio Veneto. “Rimase sempre legato alla sua terra per la quale ha profuso un grande impegno nel corso dei vari incarichi ricoperti, soprattutto per lo sviluppo dell’Umbria attraverso il potenziamento delle infrastrutture, fra le quali la Centrale Umbra”, ha detto Quaglietti, illustrando l’opera al presidente della Provincia.

“Fu – ha ricordato Quaglietti – buon amico di Cesare Bazzani, che realizzò anche il palazzo del governo, oggi sede della Provincia e della Prefettura, a lui è intitolato l’istituto agrario di Todi ed oggi le sue spoglie riposano al cimitero di Massa Martana dove furono traslate dopo la prima sepoltura a Roma”. Il presidente ha ringraziato i due autori sottolineando il valore della riscoperta di figure che hanno segnato un periodo importante per l’Umbria e che contribuiscono a rafforzare la memoria collettiva e il senso di condivisione della comunità regionale.

Articoli correlati

Commenti