Teatro a Spoleto, presentata la Stagione: sei spettacoli, due esclusive regionali e una prima assoluta

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SPOLETO – Sei spettacoli, con due esclusive regionali, una prima assoluta e grandi nomi del teatro italiano come Gabriele Lavia, Antonio Latella, Sonia Bergamasco, Vinicio Marchioni, Emilio Solfrizzi, Leonardo Lidi. La Stagione di Prosa 2021-2022 è stata presentata al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti dal sindaco Andrea Sisti, insieme all’assessore Danilo Chiodetti, al direttore e alla responsabile della programmazione del Teatro Stabile dell’Umbria Nino Marino e Bianca Maria Ragni.

LA STAGIONE-PROGRAMMA 

Il malato immaginario di Molière

Domenica 28 novembre 2021, ore 17 | Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Produzione Compagnia Molière, La Contrada Teatro Stabile di Trieste in collaborazione con Teatro Quirino – Vittorio Gassman

*********

La signorina Giulia di August Strindberg

Martedì 7 dicembre 2021, ore 21 | Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Produzione Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione con il Festival dei Due Mondi

**********

Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee

Domenica 9 gennaio 2022, ore 17 | Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Produzione Teatro Stabile dell’Umbria con il contributo speciale della Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

*********

Bayadere il regno delle ombre di Ludwing Minkus e Michele di Stefano

 

Sabato 22 gennaio 2022, ore 21 | Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Produzione Associazione Culturale Balletto di Toscana Nuovo Balletto di Toscana

********

Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello (Foto di copertina: Gabriele Lavia)

Domenica 6 febbraio 2022, ore 17 | Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Produzione Effimera Srl in coproduzione con Diana OR.I.S.

*******

Raffaello il figlio del vento di Matthias Martelli

Giovedì 10 e venerdì 11 marzo 2022, ore 21 | Teatro Caio Melisso – Spazio Carla Fendi

Produzione Teatro Stabile dell’Umbria, DOC servizi, in collaborazione con Comune di Urbino, Regione Marche e AMAT

LA PRESENTAZIONE

“Insieme con il Teatro stabile dell’Umbria – ha spiegato l’assessore Chiodetti – abbiamo cercato di predisporre un programma che fosse caratterizzato da grandi nomi del teatro italiano e grandi autori per permettere al pubblico di vivere pienamente la gioia del ritorno. Come sempre ci sono le grandi produzioni dello Stabile dell’Umbria, ma anche le più importanti produzioni della scena nazionale e la danza.

A Spoleto il feeling del pubblico con la Stagione di Prosa, soprattutto da alcuni anni a questa parte, credo a partire dai tempi di uno dei miei più illustri predecessori, è cresciuto in modo esponenziale fino a superare i 500 abbonati nelle ultime due edizioni”.

Una Stagione che segna dunque il ritorno del pubblico a teatro, pur con tutte le precauzioni legate alla perdurante emergenza sanitaria.

“Il teatro svolge una funzione culturale e, soprattutto, sociale in questo periodo, perché ci consente di superare l’isolamento e ritornare alla socialità – sono state le parole del direttore Nino Marino – Grazie al lavoro svolto insieme alla direzione sviluppo, riusciamo a tornare al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, un vero e proprio tempio laico, con una stagione teatrale importante e di qualità. Questo ritorno a teatro spero sia foriero di cose positive”.

Un ritorno reso possibile anche grazie all’impegno del Teatro Stabile dell’Umbria. “Vi ringrazio perché ci avete aiutato a costruire questa stagione in un momento in cui Spoleto non aveva le disponibilità economiche per coprirne interamente i costi – ha tenuto a precisare il sindaco Sisti – La cultura rappresenta uno strumento di valorizzazione ed emancipazione e sicuramente sarà nostro dovere impegnarci affinché si possa dare maggiore sostanza a quello che è un valore storico per la nostra città.

Un altro aspetto molto importante a cui tengo in maniera particolare riguarda il coinvolgimento degli studenti che negli ultimi anni – ha aggiunto il sindaco – hanno risposto partecipando numerosi agli spettacoli. Di questo ringrazio le scuole, perché dobbiamo essere capaci di superare questo distacco che a volte si lamenta tra la città della cultura, del festival ed i cittadini. Noi vogliamo costruire un legame forte e costante tra la scuola e il teatro e in questa direzione lavoreranno Danilo Chiodetti e Luigina Renzi che sono i due assessori di riferimento”.

*******************

INFO 

I possessori delle tessere relative alla Stagione di Prosa dello scorso anno potranno riconfermare il proprio abbonamento per lo stesso posto:

VENERDÌ 19 NOVEMBRE dalle 17 alle 19

SABATO 20 NOVEMBRE dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19

DOMENICA 21 NOVEMBRE dalle 10 alle 13

LUNEDÌ 22 NOVEMBRE dalle 17 alle 19

VENDITA NUOVI ABBONAMENTI

MARTEDÌ 23 E MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE dalle 17 alle 19

La sottoscrizione dell’abbonamento scuola, riservato gli studenti di ogni ordine e grado, agli studenti universitari (dietro presentazione del libretto) e ai giovani di età inferiore ai 20 anni (questa tipologia di abbonamento prevede la scelta di un posto fisso) in programma giovedì 25 e venerdì 26 novembre (Info e prenotazioni 338 8562727).

L’abbonamento scuola comprende quattro spettacoli al costo di 28 euro (Il malato immaginario; La signorina Giulia; Il berretto a sonagli; Raffaello il figlio del vento).

 

Articoli correlati

Commenti